Roma e Dublino festeggiano i 130 anni di James Joyce

La letteratura e la cultura internazionali celebrano oggi i 130 anni dalla nascita di James Joyce (Dublino, 2 febbraio 1882 – Zurigo 13 gennaio 1941). Amato o non tanto, comunque discusso in lungo e in largo, a volte più citato che letto, di certo scrittore, poeta, drammaturgo che ha dato senso alla definizione moderna dello scrivere.

In Italia, ci si prepara a festeggiarlo con due appuntamenti speciali nella capitale. Il primo, la trasmissione di The Dead-Gente di Dublino, adattamento di John Huston all’ultimo racconto dell’opera che, insieme a Ulisse, è considerata uno dei capolavori dell’autore. Nel rispetto della narrazione del testo di partenza, in scena un tradizionale pranzo post-natalizio nell’Irlanda del Novecento tra amici appartenenti all’alta società, che finirà col vedere rivelazioni inaspettate e svolte impreviste. L’appuntamento è per giovedì 2 febbraio alle 21.15 su Studio Universal.

I morti è l’ultimo e forse più famoso racconto di Gente di Dublino, che narra le storie di vita quotidiana di quindici abitanti della città irlandese, focalizzando le vicende sulla dicotomia tra la paralisi morale – derivante dalla situazione politica e religiosa – e la fuga, conseguenza della prima nel momento in cui la percezione della realtà arriva alla coscienza, destinata comunque sempre al fallimento. A farla da padrone nella scrittura di Joyce, come di Virginia Woolf, è la tecnica del flusso di coscienza, che conduce direttamente all’interno della vita dei protagonisti, e che esiste grazie all’”invenzione” dell’epifania, il momento cioè in cui un qualsiasi oggetto della vita quotidiana, un episodio, una persona spalanca – a chi ne sa cogliere il significato simbolico e il potenziale di disvelamento – il senso dell’esistenza. È questo il modo in cui Joyce riesce a creare, attorno alle situazioni apparentemente insignificanti dei suoi personaggi, complessi e affascinanti movimenti della coscienza.

Sempre nella capitale, il Dipartimento di Letterature Comparate dell’Università Roma Tre ospiterà la quinta “James Joyce Graduate Conference”, organizzata dalla James Joyce Italian Foundation, il 16 e il 17 febbraio 2012.

La sua Dublino si organizza invece soprattutto con gli appuntamenti del James Joyce Center, dove il giorno del compleanno dell’autore avrà luogo una lettura dal titolo Joyce, Exiles, Suffragism and the Summer of 1912, seguita poi da un’ interpretazione attorale di Paul O’Hanrahan.

Per gli eventi principali bisognerà però attendere il Bloomsday, celebrazione in onore dello scrittore che si svolge ogni anno il 16 giugno e durante la quale – con una serie di rappresentazioni itineranti per la città – riprendono vita le vicende di Leopold Bloom. Ispirato quindi nel nome al protagonista di Ulisse, il principale romanzo di Joyce è giocato attorno al parallelismo costruito in modo da ricalcare struttura e personaggi dell’Odissea di Omero. Messo per la prima volta in scena il 16 giugno 1904,  la data, scelta dallo stesso Joyce, è quella del primo appuntamento con la futura moglie Nora Barnacle, e che è poi diventata giornata ufficiale dedicata all’artista irlandese. Per ora sono previste alcune letture e drammatizzazioni delle opere di Joyce, sabato 16 giugno 2012, dalle 17 alle 20, affidate in gran parte al James Joyce Centre. Si attendono altre manifestazioni e un vasto programma per il 16 giugno 2012, le cui celebrazioni questa volta saranno condivise anche su Twitter e Facebook.

L’appuntamento di quest’anno si presenta diverso anche per un altro motivo. I diritti sulle opere di Joyce sono scaduti alla fine del 2011 e quindi da quest’anno rappresentazioni e produzioni saranno totalmente free. Per il 2012 si attendono dunque omaggi ancora più numerosi!

Marina Cabiati

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews