Roma abbraccia Toquinho nell’anfiteatro di Villa Celimontana

Dopo un’assenza di 2 anni, la chitarra di Toquinho torna in Italia

di Grazia D.

“Io che sono un matto brasiliano, parlo poco l’italiano, ma che differenza c’è”. Sulle note di questi versi Toquinho sale sul palco del Villa Celimontana Jazz Festival, ormai alla sua XVII edizione.

Il musicista brasiliano apre in Italia il tour europeo, accompagnato dalla sua storica band (la energica Silvia Goes al piano, Pedro Paulo d’Elia alla batteria, Ivani Sabino al basso) e con al fianco la cantante e chitarrista brasiliana Badi Assad , insieme per rendere omaggio al poeta e musicista Vinicius de Moraes in occasione dei trent’anni dalla sua scomparsa.

Toquinho – al secolo Antonio Pecci Filho – nasce a São Paulo (Brasile) nel 1946. L’amore per la musica e per la chitarra lo accompagna fin dalla tenera età, ma sarà il legame con Vinicius de Moraes a marcare profondamente il suo percorso artistico. Nel 1969 l’incontro: durante la permanenza in Italia per una serie di concerti al fianco di Chico Buarque, il produttore Sergio Bardotti lo invita a registrare alcuni motivi musicali strumentali nell’album dedicato a Vinicius de Moraes, La Vita, amico è l’arte dell’incontro come intermezzi fra le poesie recitate da Giuseppe Ungaretti e le canzoni cantate da Sergio Endrigo.

Il legame con l’Italia, stabilito attraverso un vincolo di sangue (suo nonno era un emigrante del Molise) è destinato a rinsaldarsi nel corso della sua più che quarantennale carriera. La fama nella penisola si rinnova attraverso concerti, partecipazioni a trasmissioni televisive e collaborazioni con artisti nostrani. Del 1976 è la fortunatissima collaborazione con Vinicius de Moraes e Ornella Vanoni alla realizzazione di uno dei dischi più raffinati del pop italiano, La Voglia, La Pazzia, L’incoscienza, L’Allegria.

Nella notte romana l’eclettico musicista di São Paulo ha scherzato con il pubblico, raccontato aneddoti e fatto vibrare gli astanti con le corde della sua chitarra, non trascurando di omaggiare i compagni carioca della Bossa-nova e della musica popolare brasiliana come Jorge Ben Jor, Antonio Carlos Jobim, Baden Powell, Chico Buarque. Tra i classici proposti sul palco, Rosa, O que será (la versione italiana è stata portata al successo da Fiorella Mannoia), Tristeza, e la più recente Acquerello.

Toquinho ha dimostrato ancora una volta di essere un artista particolarmente fecondo in compagnia, come provato dalla quantità e dalla portata delle numerose collaborazioni con artisti brasiliani e internazionali che, a vario titolo, hanno scandito la sua carriera. Per questa occasione ha fuso la sua anima artistica con quella di Badi Assad, che a piedi nudi sul palco ha contaminato lo show di tinte mediorientali e di quella aggraziata energia tipicamente femminile. La cantante e chitarrista brasiliana tra le più apprezzate in patria, ha dimostrato un’elevata fantasia artistica attraverso l’uso percussionistico della chitarra e strumentale della voce.

Non è mancato l’omaggio all’Italia, dispensato attraverso melodie quali Anema e Core, interpretata da Badi Assad – “sembra una napolitana”, scherza Toquinho –, e Roma, nun fa’ la stupida stasera, in ricordo dell’amico Sergio Bardotti, scomparso nel 2007.

L’apprezzamento e la carica del pubblico espressi attraverso le ripetute acclamazioni al termine dell’esibizione, hanno portato a svariati bis, interrotti solo da un supplichevole e divertito “ho fame, devo andare a mangiare” del musicista.

In cantiere un disco a quattro mani con Antonio Skármeta, scrittore cileno ed autore de Il postino di Neruda, romanzo che ha ispirato il film con Massimo Troisi Il postino. Sodalizio consacrato attraverso il dono che Toquinho gli ha fatto della chitarra utilizzata per comporre ed incidere la famosa Acquerello.

Foto | via http://www.musicalnews.com,

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews