Riforma dello Ior: ecco come cambia

Ior

Papa Francesco (papafrancesco.net)

Mentre in Italia i politici si scannano sulle riforme costituzionali, in Città del Vaticano ne è stata fatta una molto importante e in tempi brevi. Si sta parlando della riforma dello Ior. La Santa Sede ha divulgato una nota in cui si spiega che con il nuovo provvedimento si va «riaffermando l’importanza della missione dello Ior per il bene della Chiesa cattolica, della Santa sede e dello Stato della Città del Vaticano».

DA DOVE ARRIVA LA RIFORMA - Sono quattro le commissioni vaticane che hanno lavorato alla riforma: i rappresentanti della Pontificia Commissione Referente sullo Ior, della Pontificia Commissione Referente di Studio e di Indirizzo sull’Organizzazione della Struttura Economico-Amministrativa della Santa Sede, della Commissione Cardinalizia dello Ior e del Consiglio di Sovrintendenza sempre dello Ior. A esporre la proposta a Papa Francesco, è stato il prefetto della Segreteria per l’Economia, il cardinale George Pell, durante il mese di febbraio. Sarà il presidente dell’ Istituto per le Opere di Religione Ernst von Freyberg ad attuare il provvedimento.

NON È LA FINE - Forse qualcuno rimarrà deluso, ma lo Ior non verrà abolito. Come recita la nota: «Lo Ior continuerà a servire con attenzione e a fornire servizi finanziari specializzati alla Chiesa Cattolica in tutto il mondo. I significativi servizi che possono essere offerti dall’Istituto assistono il Santo Padre nella sua missione di pastore universale e supportano inoltre istituzioni e individui che collaborano con lui nel suo ministero». L’obiettivo è quello di allineare le strutture legali e normative della Santa Sede e della Città del Vaticano con le best practice regolamentari internazionali.

BERGOGLIO HA CAMBIATO IDEA? - Durante il mese di luglio del 2013, Papa Francesco disse: «Non so cosa sarà della banca. Alcuni dicono che è meglio che resti una banca, altri che dovrebbe diventare un fondo caritativo e altri invece dicono di chiuderla», «Dobbiamo trovare la soluzione». Aggiunse: «Ma quale che sia la soluzione, dovrà avere trasparenza e onestà. Questo è il modo in cui dovrà essere».

Giacomo Cangi

foto: papafrancesco.net

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews