Repubblica Ceca-Portogallo, le pagelle: Ronaldo su tutti, Cech si salva

Varsavia- Il primo quarto di finale non ha regalato grosse emozioni, ma ci ha fatto capire di essere davanti a un campione. Cristiano Ronaldo, dopo i primi due match deludenti, ora sta regalando il meglio del suo repertorio e sta trascinando la sua nazionale verso la finale.

Repubblica Ceca 5: poche idee, qualche ripartenza e un attacco sterile.

Cech contro Ronaldo: bene tutti e due, ma ha vinto il secondo (sport.sky.it)

Cech 7 (Il migliore): se il migliore in campo è il portiere, il resto della squadra è tutto un programma. Il portiere col casco è l’ultimo ad arrendersi, salva più volte la porta rendendo lo score meno pesante di quello che sarebbe potuto essere. Stoico.

Gebre-Selassie 5: prestazione deludente di una delle rivelazione di questi europei. Non sgroppa come nelle apparizioni precedenti e si perde Cristiano Ronaldo sul gol qualificazione. Timoroso.

Sivok 5,5 : resiste assieme al suo compagno di reparto, lotta fisicamente con Almeida.

Kadlec 6: mezzo voto in più rispetto a Sivok grazie alla provvidenziale deviazione sul tiro a colpo sicuro di Nani.

Limbersky 5,5: parte forte, rampante sulla fascia sinistra. Nel secondo tempo sparisce e dalla sua parte arriva l’assist di Moutinho per Ronaldo.

Hubschmann 6: onesto lottatore in mezzo al campo. Rispetto a Plasil è una roccia.

Plasil 4,5: lo si sente nominare solo al momento della lettura delle formazioni.

Jiracek 6,5: almeno ci prova. Corre, corre, corre e ha un cuore grande così. In una squadra in cui non fosse solo, sarebbe proprio un bel giocatore.

Darida 5,5: come Limbersky: sembra possa fare grandi cose all’inizio, ma si spegne subito.

Rezek 5: entra al posto di Darida e si piazza sulla destra, ma non tocca un pallone.

Pilar 6: anche lui perlomeno corre, è rapido e si muove tra le linee. Forse è un po’ gracilino.

Baros 5: a sua discolpa si può dire che è lasciato a se stesso, nessuno che lo supporti degnamente. Non puntuale sull’ottimo cross di Gebre Selassie nel primo tempo.

All. Bilek 5: sfortunato, l’unico giocatore di qualità (Rosicky) è infortunato, Darida è ancora giovane e non dà le stesse garanzie.

Paulo Bento: il suo Portogallo è in semifinale (tuttoeuropei.com)

Portogallo 7: voto alto per la qualificazione alla semifinale, ma non può dipendere totalmente da Cristiano Ronaldo.

Rui Patricio s.v.: mai impegnato durante il match, al contrario del suo collega Cech.

Joao Pereira 6: fa il suo, blocca Pilar e avvia l’azione del vantaggio.

Pepe 6: serata di riposo con Baros.

Bruno Alves 6: tiene bene la posizione.

Fabio Coentrao 6,5: sulla sinistra trova spazio e Gebre Selassie è preoccupato dalla presenza di Ronaldo. Affonda e arriva al cross con facilità.

Raul Meireles 6,5: tanta sostanza in mezzo, arriva anche più volte al tiro senza troppa precisione.

Miguel Veloso 6,5: gioca compassato, ma alle volte lancia che è una meraviglia. Forse un po’ lento: ecco perchè al Genoa fatica.

Joao Moutinho 7: grande prestazione per il piccoletto del Porto. Villas Boas ne parla bene e ce n’è motivo: tanti inserimenti, un gran tiro dal limite e assist per il gol vittoria.

Nani 6,5: meglio nella ripresa, punta spesso Limbersky e arriva al cross per Almeida.

Hèlder Postiga 4,5: si nota la sua presenza solo per l’infortunio a fine primo tempo.

Hugo Almeida 6,5: prende il posto di Postiga e fa sentire la sua stazza. Chissà se Bento lo riproporrà o lo lascerà tristemente in panchina.

Cristiano Ronaldo 8 (Il migliore): fa tutto da solo, alle volte pecca di egoismo, ma è conscio delle sue capacità. Mette a segno il suo terzo gol a Euro 2012 e con lui per il Portogallo ci sono speranze.

All. Bento 7: la sua squadra è compatta, la difesa tiene, i tre centrocampisti centrali fanno un gran lavoro e in attacco c’è Ronaldo.

Howard Webb 7: non si lascia intimorire da nessuno, è sempre fermo nelle scelte e decide sempre bene. Nessun errore per uno dei migliori arbitri europei.

Commento Rai (Rimedio/Collovati) 6,5: a parte qualche uscita sgrammaticata del buon Fulvio (“non riesco a immaginare cosa avesse potuto fare”, commento all’azione di Baros), la telecronaca Rai stavolta è dignitosa: nessuna avventura in campi non di conoscenza, pochi fronzoli e molta sostanza. Almeno oggi non hanno confuso i giocatori e le squadre.

Fabio Donolato

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews