Regno Unito: Greenpeace blocca nave per perforazioni off-shore

Foto: Greenpeace

Lerwick, Isole Shetlands, 21 settembre 2010 – Due attivisti di Greenpeace hanno bloccato una grossa nave attrezzata per effettuare, per conto della multinazionale petrolifera americana Chevron, perforazioni nel Mare del Nord. La nave è ancorata a un miglio dalla costa delle isole Shetlands, nel Regno Unito ed è pronta a partire per cominciare pericolose esplorazioni off-shore in un’area ecologicamente sensibile. Greenpeace chiede ai governi del Mare del Nord – che si incontreranno nei prossimi giorni – di adottare una moratoria per fermare le perforazioni off-shore in acque profonde.

Gli attivisti di Greenpeace hanno raggiunto la Stena Carron (lunga ben 228m) e hanno scalato gli anelli della catena dell’ancora. Victor Rask, attivista di origine svedese, e Anais Schneider, tedesco, sono ancora sospesi a 5 metri dalla superficie del mare. Con la loro tenda appesa alla catena stanno bloccando la nave. I due attivisti erano appena tornati da un tour nell’Artico a bordo della nave Esperanza dove erano già riusciti a bloccare le controverse perforazioni di una piattaforma della Cairn Energy.

“I nostri attivisti sono decisi a rimanere appesi per fermare le perforazioni. Le Isole Shetlands sono un patrimonio di immensa bellezza e un possibile sversamento di petrolio devasterebbe quest’area e tutto l’ecosistema del Mare del Nord. E’ ora di liberarci dalla schiavitù del petrolio e costruire un futuro basato su energie pulite” afferma Giorgia Monti, responsabile della campagna mare di Greenpeace.

Il programma della Stena Carron è di scavare un pozzo a 500 metri di profondità nella zona di Lagavulin. Dal disastro della  Deepwater Horizon nel Golfo del Messico, ambientalisti e politici di tutto il mondo stanno chiedendo una moratoria per ogni nuova perforazione off-shore. Tra due giorni i ministri dell’Ambiente dei Paesi che si affacciano sul Mare del Nord si riuniranno a Bergen, Norvegia. Nell’ambito della convenzione OSPAR, discuteranno la proposta tedesca di una moratoria per le perforazioni off-shore in acque profonde.

Contatti:
Ufficio stampa Greenpeace, 06 68136061 int. 211
Maria Carla Giugliano, ufficio stampa, 3496066159
Giorgia Monti, resp. Campagna Mare, 3455547228

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews