Red Hot Chili Peppers: John Frusciante è (di nuovo) fuori dal gruppo

Secondo abbandono, dopo quello del 1992, del chitarrista del gruppo rock statunitense. Questa volta senza sofferenza. «Devo solo seguire la mia strada», ha detto il musicista

di Chiara Collivignarelli

Le voci erano giravano in rete già da giorni: John Frusciante è uscito (ancora) dai Red Hot Chili Peppers. Il 17 dicembre, dal Myspace del chitarrista della band californiana è giunta la conferma ufficiale della separazione che sembrerebbe essere stata pacifica e consensuale. “Quando ho lasciato la band, più di un anno fa – ha dichiarato Frusciante – eravamo in una pausa a tempo indefinito. Nessuna rabbia né drammi, i ragazzi hanno compreso le mie ragioni [...] negli ultimi 12 anni sono molto cambiato, sia come persona sia come artista, al punto che continuare a suonare le stesse cose con la band andrebbe contro la mia natura.”

Chitarrista dei Red Hot Chili Peppers dal 1988, il trentanovenne Frusciante aveva già lasciato il gruppo nel 1992, suggerendo a Enrico Brizzi il titolo di un best seller divenuto poi un culto tra i teen ager italiani dell’epoca. Dopo l’uscita, nel 1991, dello strepitoso Blood sugar sex magic – uno degli album più importanti degli anni ’90 e probabilmente dell’intera storia del rock – i Red Hot avevano raggiunto il successo planetario vendendo milioni di copie.

Tuttavia lo stress, i litigi continui e l’abuso di qualunque tipo di droga portarono John a lasciare la band e ad attraversare poi un momento particolarmente buio, con il problema della tossicodipendenza che continuava ad aggravarsi, portandolo sull’orlo del baratro. Il chitarrista rischiò addirittura di perdere la vita nel rogo di casa sua, mentre era in stato di semi-incoscienza. I suoi ex compagni (il cantante Anthony Kiedis, il bassista Flea e il batterista Chad Smith) proseguivano intanto a macinare successi, senza però quella magia dovuta in larga parte al suono inconfondibile targato Frusciante e con un chitarrista (Dave Navarro), mai integratosi alla perfezione.

Il suo rientro nei Peppers, nel 1998 dopo la disintossicazione, è coinciso con il ritorno del gruppo al grande successo su scala mondiale: i risultati della reunion con la sua inconfondibile cifra stilistica furono infatti il capolavoro Californication (uscito nel 1999) e i successivi By the way e Stadium Arcadium, che hanno visto il suono della band farsi gradualmente più maturo e riflessivo. John Frusciante non ha comunque mai smesso di comporre dischi suoi e di portare avanti la sua carriera solista, come aveva continuato a fare anche nei sei anni di assenza dai Red hot. Anche durante i live – sempre strepitosi e potenti – della band, in scaletta non sono mai mancati due o tre pezzi interpretati dalle sole voce e chitarra di Frusciante. Nel gennaio scorso, il musicista ha pubblicato il suo decimo lavoro, The Empyrian.

I Red Hot Chili Peppers sono ora alla ricerca di un nuovo chitarrista; nell’attesa Frusciante sarà sostituito da Josh Klinghoffer; il nuovo album del gruppo sarebbe in uscita per il prossimo ottobre.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews