Recensione – ‘Del suo veloce volo’, Battiato feat. Antony Hegarty

battiato copertinaDEL SUO VELOCE VOLOFranco Battiato e Antony Hegarty degli Antony and the Johnson pubblicano oggi Del suo Veloce Volo. Il titolo dell’album è anche il titolo di uno dei brani, Del suo veloce volo, appunto, adattamento in Italiano del brano Frankenstein, lato b di uno dei primi singoli dell’artista newyorchese. L’album è la registrazione dei live estivi che i due artisti hanno tenuto a Firenze e Verona accompagnati dalla Filarmonica Arturo Toscanini che, valorizzando al massimo l’orchestrazione, è stata di grandissimo aiuto al risultato finale del lavoro.

UN ELOGIO DEL CONTRASTO – Del suo veloce volo è un elogio del contrasto, un contrasto piacevolissimo, tra la voce eterea di Antony e l’elegante ritrosia della voce del maestro Battiato. Sedici brani in cui le voci si alternano in maniera equilibrata. Si inizia con Cripple and the starfish e For today I am a boy di Antony, poi  Il re del mondo e Tutto l’universo obbedisce all’amore di Battiato. Il primo dei tre incontri tra i due artisti arriva sulla delicatissima You are my sister, unico appunto l’inglese del maestro che entra sul ritornello e che purtroppo rende la meraviglia del contrasto, in alcuni momenti, attrito.  La complicità tra i due resta comunque notevole ed entrambe riescono a sostenersi e a costruire un’esecuzione intensa e sicuramente migliore do As tears go by cover dei Rolling Stones, da ascoltare solo per la parte cantata da Anthony. Il Maestro Battiato si prende la sua rivincita quando arriva la splendida voce di Alice: in La realtà non esiste di Claudio Rocchi ma soprattutto nei Treni di Tozeur, dove in alcune sfumature sembra di ascoltare la voce immortale di Giuni Russo, il cantautore siciliano tira fuori il meglio di se.  L’unione di queste due voci insieme è unica: sono complementari, unite, fuse, incredibilmente belle. Chiude l’album un monologo indiscutibile del Maestro:  La cura, E ti vengo a cercare, Bandiera bianca/Up patriots to arms, Inneres Auges.

battiato

Franco Battiato

DUE GRANDI TALENTIDel suo veloce volo va ascoltato, non fosse altro per il grande senso artistico del maestro che non solo ha avuto il merito di portare in Italia un talento simile ma anche l’umiltà di saper e voler cantare dopo e insieme con una voce che non ha eguali, perché Antony ha una voce eterea, non umana, che è capace in questo disco di raggiungere luoghi inesplorati. Ottima la scelta di cantare insieme solo su tre brani e lasciare che le diverse anime artistiche si esprimessero nel modo migliore, senza forzature. Se avete visto il live con quest’ album riuscirete a rivivere quelle emozioni, se non lo avete visto dovete assolutamente ascoltarlo.

BATTIATO IN TOUR – Se poi dovesse venirvi la voglia di ascoltare Franco Battiato in concerto, sappiate che è in tour con Diwan l’essenza del reale, un progetto nato in collaborazione con l’Auditorium Parco della Musica di Roma sotto la direzione di Oscar Pizzo che riunisce diversi musicisti del mediterraneo. In quest’ occasione potrete vedere Battiato accompagnato da Etta Scollo (voce), Nabil Salameh (voce), Sakina Al Azami (voce), Carlo Guaitoli (piano e tastiere), Gianluca Ruggeri (percussioni), Jamal Ouassini (violino), Ramzi Aburedwan (bouzuq, viola e fondatore degli Al Kamandj’ti), Alfred Hajjar (nay). Il tour arriverà anche a Brindisi il 6 dicembre al Teatro Verdi, l’8 dicembre ad Ancona al Teatro delle Muse il 9 dicembre al Teatro Nazionale di Milano per concludersi a Torino il 10 dicembre al Teatro Regio.

Fonti foto: facebook ufficiale Franco Battiato

Serena Prati
@Se_Prati

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Una risposta a Recensione – ‘Del suo veloce volo’, Battiato feat. Antony Hegarty

  1. Pingback: AL DIROKTATO FESTIVAL MUSICALE DUE VIDEO-INTERVISTE |

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews