Ravello Festival 2015, la pioggia non ferma l’InCanto di Tristano e Isotta

Al Ravello Festival 2015 un paio di scrosci fanno scivolare soltanto l'orario d'inizio. Poi è tripudio di poesia e leggerezza con il Tristano e Isotta

ravello-festival-2015-tristano-isotta

Dorothée Gilbert e Mathieu Ganio sul palco di Ravello (Foto Francesco Guarino/Wakeupnews)

La parola chiave della prima del Ravello Festival 2015 è “leggerezza“. La leggerezza della danza del Tristano e Isotta, con cui la cittadina della costiera amalfitana apre la propria rassegna dal belvedere di villa Rufolo; la leggerezza delle scene di Thierry Good, minimaliste nella vela-schermo per proiezioni che richiama l’infausta nave del mito; la leggerezza dei costumi di Yiqing Yin, che sembrano spiccare il volo ed accarezzare i danzatori ad ogni refolo di vento; la leggerezza sublime di Dorothée Gilbert e Mathieu Ganio, étoiles dell’Opéra di Parigi, che interpretano i 65 minuti coreografati da Giorgio Mancini con la leggiadria e la perfezione dell’arte fatta danza.

IL RISCHIO CHE ALLA FINE PAGA - E la perdonabile leggerezza dell’organizzazione, comprensibilmente speranzosa, nel non spostare il Tristano e Isotta dal meraviglioso palco centrale alla location coperta dell’Auditorium Niemeyer, nonostante il rischio pioggia poi concretizzatosi. Uno scroscio preserale fa slittare l’inizio di 20 minuti circa, un altro scroscio vigoroso proprio in apertura obbliga ad un nuovo rinvio alle 23. Ma la macchina organizzativa non sbaglia due volte, e in 40 minuti restituisce al Tristano e Isotta palco e spalti perfettamente agibili, con l’impegno attivo di tutto lo staff, dal direttore generale fino all’ultimo collaboratore. Giù il cappello, e per fortuna anche l’ombrello.

GILBERT E GANIO, L’INCANTO FATTO DANZA - La Gilbert e Ganio tengono fede al leit motiv del Ravello Festival 2015, l’InCanto. Sulle musiche di Wagner, nume tutelare della rassegna, i due étoile dell’Opéra mettono in scena tre atti intensi di perfezione tersicorea. Nel preludio e nella scena d’amore i corpi dei protagonisti si cercano a distanza e si incontrano solo sporadicamente, senza quasi mai toccarsi. In una tensione tutta rimandata all’intensissimo terzo atto, quello della drammatica morte degli amanti del mito celtico.

ravello-festival-2015-tristano-isotta-2

La pioggia ha solo posticipato la “prima” del Ravello Festival 2015 (Foto Francesco Guarino/Wakeupnews)

LEGGEREZZA E INTENSITÀ - Un’interpretazione di grande intensità, che Giorgio Mancini ha disegnato e coreografato appositamente per i due étoile già nel 2011, quando per la prima volta ha portato in scena a Palazzo Strozzi a Firenze il Tristano e Isotta. Immaginando di poter calare nei panni dei due amanti solo e soltanto Mathieu Ganio e Dorothée Gilbert. Il perché lo si è visto ieri sera a Ravello: l’InCanto è stato spezzato per la prima volta solo al termine del secondo atto, con il primo applauso di un pubblico attento e rispettoso. Una platea riempita due volte – onta e ignomina sui pochi che non ha atteso il secondo inizio e hanno preferito non dare fiducia alla macchina organizzativa, ndr – e catturata quasi ipnoticamente, fino all’intensissimo ultimo atto.

I due amanti chiudono in proscenio, con Isotta-Gilbert che si lascia morire cingendo il proprio corpo con l’abbraccio di Tristano-Ganio, già senza vita per il dolore del fasullo rifiuto dell’amata. Le luci si spengono assieme alle loro vite. Buio. Applausi. Non saremo i primi, né gli ultimi a dirlo: prima bagnata, prima fortunata. La pioggia non è riuscita a rompere l’InCanto. 

Francesco Guarino
@fraguarino

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews