Raid Nato contro tv libica: 3 morti

TRIPOLI – Nella giornata di ieri un aereo da caccia della Nato ha bombardato la televisione libica nella città di Tripoli. Il bilancio delle vittime si aggira intorno a 3 morti e 15 feriti.

 

Khaled Bazalia, direttore del canale inglese della tv libica, ha confermato il numero delle vittime puntualizzando sul fatto che si trattasse di giornalisti e tecnici. Nella dichiarazione, è fortissimo il tono di condanna che Bazalia ha avanzato nei confronti dell’iniziativa Nato, definita da lui stesso come un’ «operazione terroristica internazionale» esclusivamente votata a violare la totalità delle risoluzioni dell’Onu.

 

Questa mattina, al sorgere del sole, la Nato ha risposto confermando di aver lanciato degli attacchi di precisione contro tre ripetitori satellitari della televisione libica. Unico scopo è stato quello di ridurre le possibilità di comunicazione in possesso di Gheddafi.

 

Allo stesso tempo, in Tunisia, al confine con la Libia, è stato reso noto, attraverso un comunicato rivolto al ministero delle Finanza, che il paese, in linea con le richieste interne, offrirà alimenti e materiali necessari in territorio libico tramite una via legale.

 

(Foto:  Ansa / ilgiornale.it)

 

Redazione

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews