Radio Maria chiede testamento: la lettera agli anziani

padre livio fanzaga (profezieonline.com)

Padre Livio Fanzaga, direttore di Radio Maria (profezieonline.com)

Erba – Con un articolo su La Repubblica, monta il caso dei testamenti a favore di Radio Maria. Stando all’articolo, l’emittente cattolica avrebbe inviato a casa di numerosi anziani italiani una lettera, chiedendo loro una donazione o un piccolo lascito, all’interno del loro testamento, offrendosi anche di inviare un addetto a domicilio per supportare nella redazione del testo e per spiegare i dettagli. Una piccola bufera per l’emittente cattolica, spesso presa di mira per il gran numero di ripetitori e per le posizioni per nulla ortodosse del direttore, don Livio Fanzaga, che ora si trova a godere di nuova visibilità, anche se accompagnata da notevoli critiche.

L’articolo – Firmato da Concita De Gregorio, il pezzo su Repubblica – disponibile online solo parzialmente, a meno di non essere abbonati – racconta la vicenda attraverso una credibile storia di un figlio, ormai adulto, alle prese con la lettera inviata all’anziana madre, rimasta sola da tempo e intenzionata a rispondere alla richiesta di Radio Maria. Un articolo ben costruito, che informa colpendo allo stomaco e stimola i sentimenti dei lettori, più che le menti: perché, parlando di persone che sembrano vere, i dettagli restano impressi e si tende a simpatizzare per questa anziana signora e per l’educato figlio, che mai le aveva parlato di testamento e che vede arrivarsi questa tegola all’improvviso. «Una specie di circonvenzione d’incapace soave», è definita questa operazione dell’emittente cattolica, puntando su toni melodrammatici, cercando di colpire il lettore e di far subodorare addirittura qualche sottile reato.

La proposta – La storia raccontata da Repubblica è indubbiamente ancorata ai fatti: lo testimonia anche il sito di Radio Maria, emittente sì cattolica, ma nota per una sua certa spregiudicatezza, almeno nel recente passato, in quanto a temi etici, dottrina ed etica comunicativa. Sul sito, infatti, compare proprio una pagina informativa riguardo i lasciti testamentari, «atto d’amore e generosità». Non il questionario inviato a casa, ma una bella pagina compilata con caratteri chiari che spiega come lasciare qualcosa dei propri averi a Radio Maria, magari anche solo intestando una polizza sulla vita all’emittente. La radio di don Livio Fanzaga, al centro di critiche tanto dai tradizionalisti, quanto dai moderati cattolici, per non parlare del mondo a-cattolico, sembra dunque essersi preparata a una nuova caccia al fondo: se per la Chiesa è da sempre tradizione ottenere donazioni dai defunti – una scelta di per sé non criticabile – addirittura bussare alla porta degli anziani e spiegare loro come far testamento sembra aver suonato per alcuni un po’ come l’aver varcato un confine invisibile di buona creanza, anche senza dover tirare in ballo la circonvenzione, come nell’articolo di Repubblica.

Andrea Bosio
@AndreaNickBosio

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews