Quel manuale che ci fa battere il cuore

Locandina

Locandina

Tre storie, tre generazioni diverse, una cosa in comune: l’amore.

Roberto (Riccardo Scamarcio) è un giovane e promettente avvocato che sta per sposarsi con Sonia (Valeria Solarino) la donna che ama e con la quale ha una relazione solida. Partito però per Castiglione della Pescaia, uno paesino della Toscana per alcune questioni legali in merito all’espropriazione di un terreno, incontra Micol (Laura Chiatti), della quale rimane immediatamente colpito. Tra i due nasce all’istante una forte passione.

Fabio (Carlo Verdone) è un uomo adulto, sposato, con un ottimo lavoro come giornalista televisivo. Una vita di classe, ma anche piena di apparenze. Sarà l’incontro con una misteriosa donna affetta da disturbi psicologici bipolari, Eliana (Donatella Finocchiaro) a cambiare in modo drastico il suo destino. Così come cambierà quello di Adrian (Robert De Niro), un professore di storia dell’arte giunto ormai alla terza età con un operazione al cuore che da sei anni gli ha lasciato una grande cicatrice sul petto. Divorziato ed arrivato in un periodo in cui alla vita non si può chiedere davvero più nulla, ritroverà di nuovo l’amore nelle vesti della figlia di un suo vicino di casa Viola (Monica Bellucci).

Giovanni Veronesi scrive così questo terzo capitolo di “Manuale d’amore” con un occhio attento a tre periodi fondamentali della realtà umana: la giovinezza, la maturità, la vecchiaia. Come uno specchio che riflette la società odierna mostra senza particolari veli la bugie e le verità che si nascondono dietro il sentimento più grande di tutti. E lo ha fatto ponendo i suoi personaggi di fronte alla possibilità di fare delle scelte, rendendoli tuttavia nello stesso tempo vulnerabili alle conseguenze delle loro azioni. Ottimo a tale proposito il lavoro dell’intero cast degli attori, che ha dato credibilità agli episodi (che partono tutti da un condominio romano) e profondità all’azione scenica, con la simpatica aggiunta di forti elementi di comicità.

Laura Chiatti e Riccardo Scamarcio

Laura Chiatti e Riccardo Scamarcio

Iniziando dal primo, dove Scamarcio, giovane rampante, deve fare i conti con sé stesso e la giovinezza che deve andare via per far posto alla ponderatezza. L’amore che racconta il personaggio di Roberto è quello folle dei giovani, senza pensieri, bello perché è preso per quello che è. Ma che poi deve per forza di cose scontrarsi con un bivio fondamentale: continuare a giocare o mettere la testa a posto per costruirsi un futuro. Proprio la prima scelta è quella fatta dal personaggio di Micol, capace di ammaliare tutti gli uomini, ma inadeguata in fondo, di innamorarsi realmente di qualcuno.

Continua a leggere —–>

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

1 2

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews