Quali ingredienti e quali piatti evitare per una cena di San Valentino perfetta

san valentino

La cena di San Valentino è un momento dedicato all’amore e alle sorprese tra innamorati e organizzare una cena può essere l’idea giusta per celebrare la vostra unione. Ma potrebbe rivelarsi un vero disastro se nel menu dovessero comparire i piatti sbagliati. Se tra i grandi classici di una cenetta romantica non possono mancare cioccolato, peperoncino, ostriche e champagne, è pur vero che esistono ingredienti e piatti da bandire dalla tavola più romantica dell’anno. Vediamo insieme quali sono.

I piatti perfetti per una cena romantica a due devono essere leggeri, gustosi, invitanti, colorati e profumatissimi. A parte il carattere afrodisiaco di alcuni alimenti come le ostriche e il peperoncino, che si classificano ai primi posti di una cena d’amore di successo, quando pensiamo a delle idee per un menu di San Valentino si devono scegliere i giusti ingredienti per evitare spiacevoli sorprese.

Se sappiamo quali sono i piatti da cui proprio non si può prescindere, cerchiamo allora di concentrare l’attenzione su quali sono quelli da evitare per una cena e un dopo cena indimenticabili.

frittura-pesce

Da bandire dal menu e dalla tavola, al primo posto troviamo la frittura. Anche se si tratta di una pastella leggera che avvolge verdure come zucchine, melanzane o carciofi, tutto ciò che è fritto rischia di appesantire lo stomaco e di provocare una fastidiosa sensazione di bruciore che, alla fine della cena, potrebbe condurvi dritti verso il divano nell’attesa che un buon digestivo faccia effetto.

Lo stesso dicasi per gli insaccati e i formaggi che seguono a ruota la frittura. Un cabaret di formaggi, seppur servito confetture ricercate e particolari o mieli biologici, può fare colpo ed essere particolarmente scenografico, ma non si addice affatto ad una cenetta romantica che deve lasciare leggeri. I formaggi che contengono lattosio, infatti, dopo una iniziale senso di estrema soddisfazione gustativa, possono provocare spossatezza e sonnolenza.

Inutile sottolineare che anche i cibi troppo speziati rischiano di rovinare l’atmosfera e un no secco purtroppo se lo meritano anche aglio e cipolla. Da mettere al bando ci sono anche gli alimenti che potrebbero provocare un fastidioso gonfiore intestinale che rischierebbe di compromettere la serata. A tal proposito, la scelta delle bevande è fondamentale per il sicuro successo della serata. Ricordatevi, infatti che ad una birra è sicuramente preferibile scegliere un vino pregiato. Se non siete grandi intenditori, recatevi presso un’enoteca della vostra città e lasciatevi consigliare al meglio da un esperto. Ricordate, infatti, che la birra, al contrario del vino, comporta la fermentazione dei cereali nello stomaco e può indurre gonfiore o, peggio, disturbi di meteorismo.

peperoncino piccante (peperoncinipiccati.com)

Nonostante il peperoncino sia un naturale afrodisiaco e può essere utilizzato dall’antipasto al dolce nelle preparazioni, è importante sapere che non se ne deve fare un uso eccessivo. Troppo peperoncino, infatti, potrebbe provocare acidità di stomaco e un antipatico reflusso gastroesofageo. Inoltre, se non siete una coppia già rodata, informatevi del fatto che il piccante incontri il gusto del vostro ospite.

Per una perfetta cena di San Valentino evitate anche i legumi, in particolar modo i fagioli, che potrebbero favorire il formarsi di aria nella pancia.

Se per il dessert avete scelto un dolce che comprenda tra i suoi ingredienti la liquirizia o la menta, affrettatevi a cercare un’altra ricetta: sono alimenti che rischiano di abbassare il livello di testosterone.

Evitate di ricoprire un piatto di carne o di pesce con una pioggia di prezzemolo o timo, sono ingredienti che regalano un aroma molto buono e fresco, ma sono anche particolarmente insidiosi e possono rovinare un sorriso. Rendersi conto a fine serata, guardandosi allo specchio, di aver trascorso l’intera cena con un ospite non gradito tra i denti sicuramente rovinerà l’atmosfera.

bagna cauda

Ed ora, nonostante siano buonissimi e appartengano alla tradizione culinaria italiana, ecco a voi cinque piatti che non potete assolutamente preparare in questa occasione.

  1. Al primo posto troviamo la bagna cauda che, nonostante sia tra i beni immateriali da tutelare come Patrimonio dell’Umanità, è un piatto davvero troppo pesante e troppo ricco di aglio.
  2. Il secondo posto lo merita la trippa alla romana. C’è chi ne va ghiotto, ma tra il soffritto lento della preparazione e l’abbondate pecorino non rientra tra i piatti di una cena particolarmente romantica.
  3. La medaglia di bronzo va all’amatriciana che con il suo abbondante e saporito guanciale è da preferire in una serata conviviale tra amici.
  4. Dal sapore troppo deciso e con un forte odore di cipolla, anche il fegato alla veneziana non può far parte del menu della cena di San Valentino.
  5. L’ultimo dei piatti da evitare che oggi vi suggeriamo è la parmigiana di melanzane: sempre buonissima ma dall’effetto soporifero.

Foto via static.buttalapasta.it, foxlife.it, peperoncinipiccati.com, giallozafferano.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews