Putin, è mistero: i finti funerali, la sparizione e il presunto figlio

Putin è mistero: che fine ha fatto? Ancora incerta la verità. Intanto gli ucraini celebrano i suoi finti funerali

Che fine ha fatto Vladimir Putin? Questa la domanda posta dai media internazionali sulle sorti del premier russo che sembra inspiegabilmente sparito dallo scorso 5 marzo 2015, almeno dalle scene ufficiali. Il mistero di Putin si infittisce sulle trame di alcune probabili teorie sul suo temporaneo allontanamento dal Cremlino, prima fra tutte la presunta nascita di un figlio in una clinica svizzera del canton Ticino.

PUTIN DI NUOVO PADRE? - Mosca ha però già smentito la possibile nascita di una bimba frutto della relazione fra Putin e la trentaduenne ex campionessa olimpionica Alina Kabayeva. L’ultima apparizione ufficiale di Putin risale al 5 marzo, quando ha incontrato il Presidente del Consiglio italiano Matteo Renzi con cui, secondo i media, si sarebbe relazionato in maniera frettolosa, quasi come fosse preso da altri pensieri personali.

Putin come Hitler per gli ucraini che stappano bottiglie di vino sulla sua finta lapide

L’ULTIMA APPARIZIONE PUBBLICA - Dopo quel giorno Putin non si è presentato né all’incontro con i capi del FSB né a quello con una delegazione del Kazakistan. Alcuni avevano comunicato che Putin fosse assente ai meeting per problemi di salute ma anche questa notizia è stata smentita da Mosca. Se il Cremlino continua a sostenere che Putin sia in perfetta forma fisica e impegnato in una continua attività politica, si stanno diffondendo miti e leggende sulle probabili motivazioni che hanno portato alla sua misteriosa sparizione. Oltre alla presunta nascita di una figlia in Svizzera, alcuni ipotizzano che Putin sia stato colto da infarto o che sia vittima di un colpo di stato avviato dal circolo degli alleati di Mosca.

IL CREMLINO MISTERIOSO - Ad alimentare il flusso di indiscrezioni è l’ambiguità dei portavoce del Premier che, di fatto, non hanno fornito delle concrete spiegazioni sull’assenza di Putin. A giustificare però la segretezza del Cremlino sorgono due riflessioni. Innanzitutto, ufficializzare  il fatto che Putin si sia ammalato, anche se si trattasse di una comune influenza, indebolirebbe l’immagine di leader  vigoroso e infallibile che da anni si è costruito dinanzi agli occhi del pubblico. Oppure, Putin potrebbe essere implicato in qualche azione di assoluta segretezza di cui la Russia non deve venire a conoscenza, almeno per il momento, come la possibilità di avviare una guerra contro l’Ucraina, o l’insorgere di un colpo di stato.

C’è anche il tempo per scattare un selfie sulla finta lapide di Putin

IL FINTO FUNERALE A KIEV - Qualunque sia la vera motivazione della fuga di Putin dai riflettori, gli ucraini hanno già pensato al peggio celebrando i finti funerali del Premier. Alcuni manifestanti riunitisi dinanzi all’ambasciata russa a Kiev hanno celebrato i funerali di Putin, installando una lapide che mostra il primo piano del Premier su cui sono stati aggiunti dei baffi e un taglio di capelli alla Hitler. Per sottolineare l’affinità fra i due leader, sul lato sinistro della lapide spunta una svastica. Intorno alla lapide spuntano sorrisi e beffe da parte degli ucraini che stappano bottiglie di vino con tanto di brindisi per onorare la fasulla dipartita del Premier.

ASPETTANDO NUOVE UFFICIALI - Vista la goliardia degli ucraini, non sarebbe male se il Premier – o chi per lui – accennasse in privato qualche piccolo gesto scaramantico che scongiurasse una morte improvvisa. Purtroppo il mistero di Putin non è stato ancora svelato e si attendono notizie attendibili per scoprire le sue mosse, prima che le speculazioni sulla sua scomparsa rasentino il ridicolo o l’acme dell’immaginazione.

Rachele Sorrentino

@rockeleisrock

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews