Prodotto Futuro, è ancora presente

prodotto futuro

Lo spettacolo dei bambini della scuola Buonarroti presso il teatro Manzoni di Monza (foto: E.Bramati)

Monza - Si è chiuso da pochi giorni un altro anno scolastico, un anno segnato dalle difficoltà economiche che costringono molti istituti scolastici a tagliare parte della propria offerta educativa e formativa nel segno dell’austerity.

C’è però chi ha deciso di non piegarsi a questo impoverimento e si è ingegnato nel trovare altre vie di finanziamento dell’attività scolastica. Stiamo parlando della scuola elementare Buonarroti di Monza, all’interno della quale è nata l’associazione Prodotto Futuro, ovvero “quell’insieme di persone che si danno da fare, ognuno con la sua competenza, per avviare progetti didattici innovativi all’interno della scuola”. E’ proprio così che Prodotto Futuro trova i fondi necessari a finanziare le iniziative della scuola Buonarroti: contattando sponsor tra negozianti del quartiere, piccole e grandi imprese o privati che credono e condividono il valore delle attività proposte.

Il tema scelto quest’anno dagli insegnanti della scuola monzese è stato “La diversità ci rende unici”. L’obiettivo era quello di creare situazioni in cui vengano messe in risalto le diversità per sottolineare la particolarità e l’unicità di ciascun individuo, e dalle diversità creare spunti per le attività e per le riflessioni, finalizzate all’arricchimento di ciascun membro del gruppo.

Come nei precedenti due anni di attività dell’associazione, il momento finale nonché il più significativo di tutto il lavoro svolto durante l’anno scolastico è rappresentato dal laboratorio teatrale, conclusosi con la rappresentazione andata in scena giovedì 6 maggio presso il Teatro Manzoni di Monza.

Come è insito nella filosofia di Prodotto Futuro, lo spettacolo è stato reso possibile dalla collaborazione con una vera e propria compagnia teatrale ed un regista professionista come Silvano Ilardo. Niente dilettantismo insomma, perché l”idea di fondo è che occorra mettere a disposizione dei bambini esempi di professionalità, affinché crescano percependo che i loro sogni e le loro aspirazioni possono davvero avverarsi.

In sintonia col tema della diversità, si è scelto di mettere in scena “Alla corte di Notre Dame”. Al cospetto di un Teatro Manzoni tutto esaurito, i bambini hanno dato vita ad uno spettacolo assolutamente appassionante e a tratti commovente per le abilità manifestate dai piccoli attori in erba, per l’organizzazione impeccabile messa in piedi dagli insegnanti e per la capacità di bambini (alcuni di soli 6 anni) di sapersi esprimere regolando la propria emotività. Il risultato è stato un’esibizione suggestiva ed emozionante in cui mai si è avuta la sensazione di assistere ad una normale recita di fine anno di una scuola elementare.

Tutti ci auguriamo che la scuola Buonarroti possa portare avanti con orgoglio anche durante il prossimo anno scolastico il progetto di Prodotto Futuro, il quale dimostra quanto la collaborazione di genitori volenterosi e attivi possa costituire il valore aggiunto di una scuola veramente attenta al futuro dei bambini e in parte sopperire alle mancanze dello Stato e delle Istituzioni. Come già scrissi a dicembre, sarebbe forse utile che si superassero alcune barriere ideologiche per ciò che concerne il concetto di finanziamento e di sponsorizzazione, perché ogni scuola dovrebbe avere un proprio Prodotto Futuro.

Davide Lopez
@davidelopez1986 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews