Prima di Celentano, Monti intendeva accelerare sulla Rai: “Tv pubblica nel caos, va cambiata”

Roma – La prossima settimana saranno già convocati i leader dei tre partiti di maggioranza – Alfano, Bersani e Casini – per discutere i dettagli della riforma di viale Mazzini. Mario Monti, che oltretutto questa sera incontrerà i vertici del Vaticano per l’anniversario dei Patti Lateranensi, è rimasto sconcertato dal racconto del monologo di Celentano con l’invito alla chiusura di Avvenire e Famiglia Cristiana.

Un’irritazione accresciuta dalla notizia che la Sipra ha chiesto conto alla Rai per quei 6-700 mila euro di spot non andati in onda a causa dello sforamento dello showman. Per non parlare delle reazioni di quei ministri più vicini al mondo cattolico come Riccardi, Passera o Ornaghi. Sotto accusa sono finiti il dg Lorenza Lei e il direttore di Raiuno Mauro Mazza.

Il Molleggiato non è stata quindi la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Monti sapeva già di dover intervenire su un’azienda che, fin dall’inizio del suo mandato, aveva individuato come la grande malata. E che il premier avesse deciso comunque di accelerare, l’aveva compreso infatti il presidente Paolo Garimberti quando due giorni fa – prima dunque della grana Sanremo – era stato ricevuto a palazzo Chigi da Monti, Passera e Grilli.

Una riunione molto operativa e “didattica”, durante la quale Garimberti era stato sottoposto a una raffica di domande molto specifiche da parte del premier, tutte centrate sulla “governance” dell’azienda: «Ogni quanto si riunisce il Cda?». «Quali obblighi impone il contratto di servizio?». «Come agisce il direttore generale?».

Del resto, durante l’ultimo vertice con i segretari di maggioranza, Monti aveva chiarito che la Rai sarebbe stata il prossimo bersaglio del governo. «Quando ci rivedremo – aveva detto sibillino il Professore ai tre segretari – dovremo parlare della Rai e lo faremo sicuramente». Si direbbe che il momento è arrivato.

Natalia Radicchio

Foto| via www.mondoinformazione.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews