Premio Pulitzer 2010 assegnato ad un giornale on line

Per la prima volta nella storia giornalistica, il prestigioso Premio Pulitzer va ad un giornale nato nel web, grazie ad un gruppo di reporter che volevano creare un ponte d’informazione aperto a tutti

di Veronica Leanza

Il sito Propublica

Un sito on line ha ottenuto il più prestigioso premio di giornalismo  per la carta stampata. Dall’anno scorso la giuria del Pulitzer ha aperto la premiazione anche ai giornali on line. Nel 2009 però, nessun sito era riuscito ad arrivare alla conquista dell’ambito premio.

Propublica è il nome del giornale che ce l’ha fatta. Un quotidiano no-profit, nato sotto la guida di Paul Steiger, ex direttore del Wall Street Journal, circa tre anni fa. Il suo scopo era di mettere a disposizione, gratuitamente, scoop e notizie dedicate al servizio di giornali minori americani, ed essere in grado di dar loro la massima visibilità.

Per l’ex direttore Steiger, questo Pulitzer è il 17esimo della sua carriera. Al timone del Wall Street Journal infatti, era riuscito a conquistarne addirittura 16.

L’articolo on line che ha meritato il Premio nella categoria “Investigative Reporting (Giornalismo Investigativo)” è stato scritto dalla giornalista Sheri Fink con il titolo: “The Deadly Choices at Memorial”. Esso riguarda un’inchiesta complessa e sospetta sulla gestione dell’emergenza sanitaria a New Orleans nel 2005, all’epoca dell’uragano Katrina. Sembra infatti che, durante il terribile uragano, molti dottori, precipitosamente, abbiano preso delle scelte affrettate sulla vita e la morte di alcuni pazienti.

Premio Pulitzer

Altri riconoscimenti giornalistici sono stati assegnati al Washington Post  (quattro premi), al New York Times (tre) e al Bristol Herald Courier (un premio). Tra i vincitori ci sono anche Mark Fiore, vignettista che pubblica esclusivamente on-line, e il Seattle Times, giornale locale premiato per il suo utilizzo della piattaforma Twitter, che usa per ottenere segnalazioni dai lettori.

Chissà, magari i prossimi potremmo essere noi dello staff di wakeupnews, come si dice: “La speranza è l’ultima a morire!!”.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews