Pirlo stende il Parma. Il Milan vola in testa

I rossoneri espugnano il Tardini grazie a una rete di Pirlo e si portano, almeno per una notte, in testa al campionato. Nel pomeriggio l’ Udinese ottiene la prima vittoria stagionale, riuscendo ad avere la meglio sul Cesena, grazie a un goal nel finale del marocchino Benatia

di Marco Frattino

Andrea Pirlo

Il Milan esce vittorioso dallo scontro con il Parma e riesce a conquistare, almeno per una notte, la vetta della classifica. Ai rossoneri basta un eurogoal di Andrea Pirlo nel corso del primo tempo, per sbrigare la pratica gialloblù.

Allegri schiera dall’inizio il trio composto da Robinho-Ronaldinho-Ibrahimovic che permette al Milan di partire con il piede sull’acceleratore. Al secondo minuto, Ibrahimovic va vicino al goal con un diagonale che termina di poco a lato. La risposta del Parma arriva dieci minuti dopo quando Angelo mette al centro un cross dalla destra, Crespo cerca di colpire di testa ma non arriva ad impattare la palla e termina a terra in area dopo un sospetto contatto con Nesta, ma l’arbitro Orsato giudica il contatto regolare e fa proseguire. Il Milan passa in vantaggio alla mezz’ora: Pirlo con un gran destro da circa 40 metri infila Mirante. Il portiere gialloblù nulla può sul capolavoro balistico del centrocampista della nazionale, con la palla che prima si impenna, poi si abbassa improvvisamente per terminare nel set. Prima del termine della prima frazione, il portiere gialloblù risulta determinante sul punteggio evitando il raddoppio dei rossoneri, salvando in rapida successione per ben tre volte su Ibrahimovic.

Primo tempo nettamente a favore dei rossoneri, mentre nella ripresa i ducali danno qualche segno di vita ma non riescono a trovare la rete. Sostanzialmente il copione non cambia. Rossoneri che hanno il pallino del gioco e gialloblù che si limitano alle ripartenze. Mirante nega ancora la gioia del goal agli uomini di Allegri, salvando su Ronaldinho. Rientra Pato che sostituisce Robinho. Ancora al di sotto della sufficienza la prestazione dell’ultimo acquisto estivo del presidente Berlusconi, che sbaglia molto, come ad Amsterdam, in prossimità della porta avversaria. Emiliani che si rendono più pericolosi quando Marino richiama in panchina Angelo per Bojinov. Il bulgaro mina la difesa avversaria creando spazi per i compagni e dopo poco Abbiati è costretto a salvare in corner un diagonale di Dzemaili. Proteste dei padroni di casa per alcuni interventi sospetti in area rossonera su Marques e su Dzemaili. Il Milan prova a reagire ma Ronaldinho spreca il possibile raddoppio calciando a lato da buona posizione. Nel finale gli emiliani si piazzano in pianta stabile avanti l’area rossonera ma il Milan si difende bene e riesce a portare tre punti a casa importanti per il morale quanto per la classifica, collocandosi, almeno per poche ore, in testa.

Nell’anticipo delle 18, invece, primo successo stagionale per l’Udinese di Guidolin.

Benatia

Vittoria meritata quella dei padroni di casa, frutto di una buonissima prestazione, che hanno sfiorato più volte la rete. Nel primo tempo, friulani più incisivi in fase offensiva che vanno vicino al vantaggio prima con Floro Flores, ma Colucci salva tutto sulla linea, con Di Natale poi, con il 41enne Antonioli che nega la gioia del goal al capocannoniere della passata stagione. Nella ripresa, l’assedio dei friulani vede Isla cogliere il palo al 50′, a seguirlo è Di Natale al 62′, che crossa in mezzo e trova Nagatomo: il giapponese del Cesena, su rimpallo, centra il palo della sua porta. Sarà poi Antonioli a dire di no ancora all’inarrestabile Di Natale, al minuto 75. Quando la partita sembra destinata a terminare 0-0, ecco la beffa per gli uomini di Giaccherini: il difensore marocchino Benatia, sugli sviluppi di una punizione calciata da Di Natale, con una zampata infila Antonioli e regala la prima gioia ai bianconeri di Guidolin. Friulani che salgono a quota 4 punti in classifica, restando, però, sempre in ultima posizione; mentre per i romagnoli arriva la terza sconfitta consecutiva, restando fermi a 7 punti. Proteste degli ospiti, quest’oggi in tenuta verde, in occasione del goal vittoria friulano, in quanto la posizione di Benatia sembra dubbia. Espulso il tecnico Ficcadenti per proteste.

Il tecnico friulano Guidolin può così sorridere, mentre Ficcadenti deve fare i conti con la mini-crisi del suo team, dopo uno scoppiettante avvio di stagione.

Foto | via www.ilpallonaro.com; www.repubblica.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews