Pioggia, vade retro: al Ravello Festival Alessandra Ferri e Wayne McGregor incantano anche al chiuso

Al Ravello Festival la pioggia non ferma la magia: Alessandra Ferri danza per Wayne McGregor e regala emozioni e suggestioni

Autobiography_thumbnail_RichardDavies_production_38

Il palco più bello del mondo cede il passo all’ineluttabile: uno scroscio di pioggia tanto inatteso quanto violento, a meno di mezz’ora dall’inizio, rischia di veder letteralmente naufragare una delle più attese esibizioni del Ravello Festival 2018, Icons della Company Wayne McGregor con i due passi a due di Alessandra Ferri. Ma la macchina organizzativa del festival non si fa scoraggiare . Ed allora, nel giro di 45 minuti, tutti da villa Rufolo all’adiacente Auditorium Oscar Niemeyer. Applausi non solo per chi sale sul palco.

4 COREOGRAFIE - La dimensione al chiuso dell’Auditorium, se possibile, conferisce ancora più fascino all’aspetto estetico dell’esibizione. Il geniale coreografo inglese Wayne McGregor porta in scena due intensi passi a due con Alessandra Ferri protagonista assoluta, affiancata dal primo ballerino dell’American Ballet Theatre Herman Correjo in Witness e dal principal dancer del Royal Ballet Federico Bonelli nel passo a due di Woolf Works.

Si apre proprio con Witness: il nero domina nei costumi minimalisti, musiche malinconiche avvolgono le linee prima sinuose e poi spigolose della Ferri – presenza, tecnica e fisicità da patto col diavolo siglato e vinto – e di un Correjo perfetto nel muoversi all’interno di un light design che apre e chiude spazi di palcoscenico ai danzatori.

?????????????????????????????????????????

Autobiography Edits è pura essenza McGregor: sul linoleum 10 ballerini della compagnia mettono in scena una delle infinite combinazioni del DNA del coreografo, stabilita in quel momento da un computer. Una esibizione nuova ogni volta, in cui l’autore mette in scena se stesso senza danzare, lasciando la ribalta ad uno sfoggio esemplare di tecnica e umanità. Si inizia con un poderoso assolo che si converte in un passo a 3, con gli elementi della compagnia che riempiono e svuotano il palco a ritmi che riecheggiano ora verso il tribale, ora verso l’elettronico, ora verso il lounge. Nei singoli assoli la Company Wayne McGregor offre al pubblico tutto il proprio repertorio etnico, visivo ed emotivo. Chapueau.

L’OMAGGIO A VIRGINIA WOOLF - Woolf Works è forse l’unico momento in cui si sente la mancanza dal palco affacciato sull’immensità del mare di villa Rufolo. Un grandioso omaggio a Virginia Wolf, il cui passo a due Ferri-Bonelli vive di trasporto e abbandono, accompagnato in musica solo dal rumore delle onde del mare e dai versi della tormentata autrice d’Oltremanica. Groppo alla gola.

Si chiude con Bach Forms, sulla base dell’estratto finale di The Art of Fugue di Bach. Commistione tra classico e moderno con la compagnia di McGregor che torna protagonista in un estratto che, senza nulla togliere, si configura come il momento meno coinvolgente della serata.

Non una conclusione ideale. Ma da scaletta, rettificata in apertura, si sarebbe dovuto chiudere con le intense suggestioni di Woolf Works e la standing ovation per la Ferri. Che invece, complici pioggia e inevitabili ritardi sulla scaletta, lascia l’Auditorium prima del saluto finale. Peccato veniale, per una danzatrice che di standing ovation non ha ormai più bisogno. Perché il livello della danza al Ravello Festival continua a crescere esponenzialmente di anno in anno. 

Foto: waynemcgregor.com, Ufficio Stampa Ravello Festival/Lucas Chilczuk

Francesco Guarino
@fraguarino

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews