Pioggia di diamanti su Giove e Saturno

diamanti giove saturnoÈ la pioggia più luccicante di tutti i tempi, quella di diamanti su Giove e Saturno. Ebbene sì: cadono dei veri e propri pezzi di diamanti da 1,27 centimetri di diametro sulla superficie dei due pianeti.

Viene da pensare che sia davvero un peccato che con le tecnologie attuali non si riesca a raggiungerli, perché ci troveremmo davanti ad una miniera a cielo aperto. L’ipotesi emerge da una nuova ricerca condotta da Mona Delitsky del California Specialty Engineering e Kevin Baines della University of Wisconsin e pubblicata su Nature, secondo cui l’atmosfera di Saturno produce ogni anno fino a mille tonnellate di diamanti, e anche quella di Giove ne crea a profusione.

Gli scienziati hanno presentato il loro studio in occasione dell’American Astronomical Society’s Division for Planetary Science. Ad appoggiare l’ipotesi è Raymond Jeanloz, uno degli scienziati che aveva intuito che le atmosfere di Urano e Nettuno sono favorevoli alla formazione dei diamanti, il quale reputa che l’idea della pioggia di diamanti su Giove e Saturno sia “sensata”.

È possibile che si verifichi un tale fenomeno? Sì, in quanto questi due pianeti sono giganti gassosi, costituiti per la maggior parte da idrogeno e hanno un’atmosfera spessa decine di migliaia di chilometri. Per capire le proporzioni, ricordiamo che l’atmosfera terrestre è spessa, invece, cento chilometri circa. La pioggia di diamanti comincerebbe nell’atmosfera superiore, dove i fulmini colpiscono il metano trasformandolo in fuliggine (carbonio). Man mano che la fuliggine cade viene sottoposta a temperature elevatissime e una pressione sempre più alta, e si trasforma in grafite. Nella caduta di oltre seimila chilometri la pressione è così grande che la grafite si trasforma in diamante.

Prevedibilmente, le obiezioni a questa teoria comunque non mancano: secondo alcuni scienziati sui due pianeti non ci sarebbe abbastanza metano, e di conseguenza insufficiente carbonio, rispetto all’idrogeno, per consentire questa trasformazione. Per avere conferme dell’una o dell’altra teoria servirebbero delle rilevazioni in loco, magari con il prelievo di un bel po’ di campioni.

Fonte foto: zeusnews.it

Sonia Carrera

@soniasakura89

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews