Pierre Dukan difende la sua dieta:«Non fa male»

Pierre Dukan

Roma – Un vero e proprio caso editoriale quello del medico francese Pierre Dukan (ormai ex ndr) che con la sua famosissima dieta è riuscito a costruire un vero e proprio impero. Il suo libro ha venduto dieci milioni di copie in tutto il mondo, ottocentomila solo nel nostro Paese. A questo si è aggiunto anche un sito web di coaching a pagamento, e una linea di prodotti pensati e curati per chi vuole sperimentare questa tanto criticata dieta e provare così a perdere peso.

La Dukan non è una dieta come tutte le altre: per molti sembra essere diventata un vero e proprio stile di vita, complice anche il grande riscontro che questo regime alimentare ha avuto tra personaggi famosi: da Kate Middleton, alle stelle del patinato mondo di Hollywood, e da ultimo anche il neo presidente francese François Hollande. Pierre Dukan è diventato un vero e proprio idolo per milioni di persone in sovrappeso, ma nel mondo scientifico che chi invece continua a criticarne idee e metodo. Prosegue infatti l’infinita diatriba tra sostenitori e detrattori, facendo così della dieta Dukan uno dei fenomeni più controversi degli ultimi anni.

Solo qualche settimana fa Dukan si è trovato dinanzi a una nuova presa di posizione dei suoi colleghi. L’ordine dei medici francese infatti l’ha radiato, punendolo per il business creato attorno a questo regime alimentare considerato troppo squilibrato. A ciò si aggiunge un certo astio nei suoi confronti da parte delle case farmaceutiche e dai più grandi sostenitori della dieta mediterranea.

La copertina

Nonostante tali problemi, Dukan non sembra arrendersi, e anzi ancora una volta prende le difese della sua dieta. Una dieta che prevede quattro diverse fasi: attacco, crociera, consolidamento e stabilizzazione. In ciascuna di queste fasi occorre assumere solo alimenti ben precisi, da associare a passeggiate quotidiane di venti minuti, un litro e mezzo di acqua e 3 cucchiai di crusca ogni giorno.

C’è anche chi sostiene che tale regime dietetico, improntato a un’alimentazione ricca di proteine, ma povera di carboidrati, grassi e zuccheri provocherebbe dei danni a fegato e reni. Dukan risponde alle critiche, tacciando di invidia tutti i suoi più grandi detrattori. «L’Ordine dei medici – ha affermato Pierre Dukan, in una lunga intervista rilasciata al quotidiano La Repubblica – è un organismo corporativo che non riconosce la libertà d’espressione -. La verità è che sono gelosi. L’ultimo pretesto per attaccarmi è stato il libro nel quale propongo centoventi misure per lottare contro l’obesità».

Come non dimenticare infatti la proposta choc di non ammettere alla maturità gli studenti in sovrappeso. Secondo il punto di vista di Dukan, soltanto inserendo la sua dieta nelle mense delle scuole superiori, sarebbe stato possibile sconfiggere l’obesità giovanile. E come incentivo l’ex medico aveva anche proposto l’introduzione di un punteggio più alto alla maturità per coloro che fossero riusciti a mantenere un indice di massa corporea tra 18 e 25. Un’idea giudicata davvero sconvolgente, e che avrebbe potuto scatenare una forte discriminazione nei confronti dei ragazzi in sovrappeso.

A Pierre Dukan preme inoltre sottolineare che tecnicamente non è stato radiato, ma ha deciso autonomamente di essere tolto dall’albo e di andare in pensione per dedicarsi completamente alla sua lotta contro il sovrappeso nel mondo. Una battaglia che non ha nessuna intenzione di abbandonare.

Angela Piras

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews