Piercarlo Morello, un autistico laureato. Miracolo o diagnosi errata?

Il trentatreenne ha conseguito la laurea nonostante la malattia ma è esplosa la polemica: un vero autistico laureato o una diagnosi affrettata?

autistico laureato

Piercarlo Morello il giorno della sua laurea (pourfemme.it)

Padova – Per Piercarlo Morello la diagnosi fin da bambino era stata drammatica: autismo. Eppure lunedì è riuscito a conquistare una laurea magistrale in Scienze umane, diventando così il primo autistico laureato in Italia. Quella che doveva sembrare una bella storia si è trasformata in una vera polemica, con intervento delle associazioni e accuse di diagnosi errate.

MORELLO – Piercarlo ha trentatré anni ed è affettato da autismo severo, come racconta il padre, Luciano, ex insegnante. Da lunedì è dottore magistrale ma la storia del primo ragazzo autistico laureato parte da lontano: la diagnosi di autismo è giunta abbastanza tardi, verso i quattordici anni. Prima per molti si trattava solo di “ritardo mentale”, come racconta Repubblica. «Ho imparato a leggere mentre gli insegnanti facevano lezione agli altri – ha scritto nella sua stessa tesi Piercarlo – Ma come facevo a farlo capire ai professori, visto che non riesco a parlare?». Poi è giunta la tecnica di scrittura facilitata e, con l’assistenza di un operatore, Piercarlo ha imparato a esprimersi in qualche modo.
A non desistere sono stati soprattutto i genitori, che hanno spinto perché fosse inserito in un ambiente comune, evitando le cooperative sociali per disabili psichici.

LA TESI La scelta dei genitori sembra averla avuta vinta: Piercarlo, oltre a essere stato il primo autistico laureato in Italia, a detta dei docenti, ha anche compiuto l’impresa di aver scritto una tesi sulla sua storia.
«La disuguaglianza è la vera disabilità, so che cammino solo – scrive di sé stesso – Ho contro un male che rende la vita muta, solitaria, vacua e bisognosa di altri, ma nella mia cesta di parole taciute trovo anche soli e lune, oceani calmi e colori di luce»: un racconto preciso, la cui nitidezza sembra però portare dubbi sulla diagnosi stessa.

UN VERO AUTISTICO? – Come accade inevitabilmente in Italia, la storia del primo autistico laureato ha portato una coda di polemiche e di dichiarazioni da parte di vari specialisti del settore. Per l’Associazione nazionale dei genitori di soggetti autistici si tratta di un errore di diagnosi: «Ci congratuliamo con Piercarlo Morello per la laurea conseguita – ha dichiarato la presidente Liana Baroni Fortini – Tuttavia, se il brano che si legge sui giornali è stato scritto da lui e non dal suo facilitatore, Piercarlo non può dirsi autistico, poiché dimostra di avere una comunicazione sociale molto buona. Una delle caratteristiche principali degli autistici è quella di essere incapaci di comunicazione sociale, indipendentemente dal modo di espressione, che può essere scritto oppure parlato oppure a segni». Un errore diagnostico, dunque, che rimanda alla paura sui facili entusiasmi: di guarigioni miracolose e di risultati inattesi si possono nutrire illusioni ingiustificate.

Andrea Bosio
@AndreaNickBosio

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews