Pi Greco Day: il 14 marzo 2015 è la giornata mondiale del π=3,14

pi greco day

Il numero più famoso del mondo si celebra il 14 marzo 2015. Per i prossimi festeggiamenti bisognerà aspettare 100 anni (Bonsai.tv)

Il 14 marzo 2015 è la giornata dedicata al Pi Greco Day: il sabato più ‘preciso’ del secolo in cui il valore π= 3,14 viene ricordato in un momento calendariale particolare. La data del 14 marzo 2015, infatti, si allinea con due cifre del Pi Greco, 3,1415. Non accadrà un fatto simile per altri 100 anni ovvero fino al 14 marzo 2115.

PI GRECO DAY ANGLOSASSONE – L’Ansa ricorda che la giornata è festeggiata in tutto il mondo, ma a brindare sono soprattutto i matematici anglosassoni in ragione della coincidenza tra la consuetudine anglo-americana di scrivere le date anteponendo il mese al giorno 03/14 e il valore 3,14.

Sicché non c’è nulla di strano se persino la Nasa ha deciso di partecipare ai festeggiamenti della giornata mondiale del Pi Greco organizzando, per giovani promesse della scienza, una sfida matematica: i ragazzi sono chiamati a risolvere problemi molto simili a quelli affrontati tutti i giorni nella pianificazione di missioni spaziali.

PI GRECO DAY ITALIA – Anche l’Italia si mobilita per il Pi Greco Day. In tutto gli istituti del Paese sono in calendario gare di matematica, conferenze, tavole rotonde, proiezioni cinematografiche, tornei e parate. Secondo Elisabetta Strickland, vicepresidente dell’Istituto nazionale di Alta Matematica (INdAM) di Roma Tor Vergata: «Per i matematici questo è un ‘vecchio amico’ nel quale ci imbattiamo spessissimo»«E’ un numero molto bello anche esteticamente e non è un caso che si festeggi, ma il vero senso di giornate come queste è promuovere l’interesse per la matematica».

PI GRECO NELLA STORIA – Il sito della rivista di curiosità scientifica Focus.it, celebra il Pi Greco Day con un rapido excursus storico sul valore numerico più famoso del mondo. π= 3,14 o costante di Archimede é un numero reale irrazionale e trascendente.

Il simbolo π significa ‘perimetros’, perimetro e fu usato per la prima volta come oggi lo si intende nel 1706 dal matematico inglese William Jones, ma fu solo nel 1761 che Johann Heinrich Lambert ne dimostrò l’irrazionalità concludendo che π non poteva essere inteso come quoziente di due numeri interi. Ancora, solo nel 1882 lo studioso Ferdinand von Lidemann dimostrò che si trattava di valore trascendente perché non algebrico, non esprimibile in un numero finito di interi, di frazioni o radici.

Questi i contorni moderni del π, ma la sua storia è molto più antica. La prima traccia del numero appare nei calcoli di matematici e architetti della civiltà babilonese con il valore di 3,125. Un salto nel passato di 4 mila anni per poi ritrovarlo nelle tavolette egiziane come 3,1605 e cinesi come 3.

Ancora fu Anassagora, nel 434 a.C., a tentare la quadratura del cerchio con π e, in seguito, Archimede lo approssimò nel numero oggi più noto, 3,1419 che è stato calcolato a più riprese: da Newton che ne conteggiò 16 decimali ai computer contemporanei che hanno continuato il calcolo fino a 5 mila miliardi di numeri dopo la virgola. 

NON SOLO PI GRECO DAY – Un’approssimazione senza fine che, come ricorda ancora Focus.it, è fondamentale al punto da meritare una giornata dedicata. Oltre al Pi Greco, infatti, esiste anche il Pi Approximation Day, celebrato il 26 aprile ovvero il 116imo giorno dell’anno, momento il cui la Terra percorre un arco di 1/π volte l’orbita totale intorno al Sole; poi il 22 luglio: 22/7=3.14; il 10 novembre: 314imo giorno per il calendario gregoriano; 21 dicembre: alle ore 1.13 il 355imo è in rapporto al numero 113, dando la costante esatta, 355/113.

Buona Pi Greco a tutti.

Chantal Cresta

Foto || presentefuturo.org; bonsai.tv

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews