Petacchi si ritira dalle corse

petacchi maglia verde ritiro (velonews.competitor.com)

Alessandro Petacchi, velocista italiano, ha comunicato il suo ritiro (velonews.competitor.com)

Alessandro Petacchi ha deciso di ritirarsi dalle corse. Lo ha reso noto lui stesso, con un comunicato pubblicato sul sito della Lampre-Merida, la sua squadra, comunicando che, dopo 18 anni di professionismo, è giunta per lui l’ora di lasciare le competizioni. «So di aver dato il massimo – ha scritto – sento di avere bisogno di dare una svolta alla mia vita». Petacchi, velocista di caratura internazionale, ha vinto 165 corse.

Nel palmares dello spezzino, professionista fin dal 1996, ci sono 22 tappe al Giro – con 7 giorni in Maglia rosa – 6 tappe al Tour, 20 alla Vuelta e la Milano – Sanremo del 2005, oltre alla Parigi – Tours 2007. Petacchi è stato anche uno dei pochi a conquistare la classifica a punti di tutti e tre i grandi giri e l’ultimo italiano in maglia verde a Parigi, nel 2010: con questo successo, Petacchi è entrato di diritto nella storia del ciclismo azzurro, essendo uno dei due italiani ad aver conseguito l’ambito riconoscimento. Prima di lui era stato Franco Bitossi, nel 1968 l’unico a centrare l’impresa. Nel 2000 è stato convocato per la prima volta in nazionale e nel 2002 è stato l’ultimo uomo di Mario Cipollini nella vittoria di Re Leone ai campionati del mondo di Zolder.

Coinvolto in un’indagine antidoping, fu sotto inchiesta nel 2007 per tracce di sulbutamolo rintracciate nei campioni; sospeso dalla sua squadra, venne poi prosciolto, perdendo tuttavia la possibilità di correre il Tour de France di quell’anno. Sarà però successivamente squalificato, nel 2008, per i medesimi fatti, con una sentenza del Tas di Losanna.

Petacchi lascia con toni commossi, ma anche con la certezza di poter tornare un giorno nel mondo del ciclismo. «Ho sempre privilegiato l’aspetto professionale del mio lavoro – ha scritto nel comunicato – ho sempre agito onorando l’impegno profuso da aziende quali Lampre, Merida e tutti gli altri partner del team che ringrazio per la fiducia accordatami in questi fantastici anni assieme. Sento però che è giunto il momento di dedicarmi un po’ di tempo, di cercare nuovi stimoli». Diciotto anni sono stati lunghi e, anche se sente il peso e l’età, non vuole dimenticare i suoi tifosi e chi gli è stato vicino in questi anni di corse: «per ora, quindi, devo rivolgere a tutti gli appassionati di ciclismo un arrivederci, con la possibilità di tornare in futuro a essere parte del mondo che tanto mi ha dato, mettendo a disposizione la mia esperienza e magari trasmettere alle nuove generazioni di atleti la bellezza del nostro sport».

Andrea Bosio
@AndreaNickBosio

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews