Perugia. Sentenza sul caso Meredith non prima delle 20

Amanda e Raffaele

PERUGIA – Il caso dell’omicidio della studentessa inglese Meredith Kercher è quasi giunto a conclusione. Dopo un’ultima settimana in cui su Perugia si è concentrata tutta l’attenzione mediatica, la Corte di Assise d’Appello si è ritirata in Camera di consiglio per emettere – non prima delle 20 – la sentenza definitiva nei confronti di Raffaele Sollecito e Amanda Knox.

Il presidente della Corte, Claudio Pratillo Hellman, ha invitato al massimo rispetto e al silenzio in aula quando ci sarà la lettura («Non c’è spazio per tifoserie contrapposte. Ricordiamoci che è morta una ragazza»), eppure il giudizio non sarà esente da polemiche e momenti di tensione, considerata anche la trasmissione in diretta nazionale e internazionale.

Presenti in aula saranno i famigliari dei due sospettati, già condannati in primo grado a  25 e a 26 anni di reclusione, i quali hanno sempre ribadito l’estraneità dei ragazzi al delitto, ma anche coloro che più erano vicini alla vittima, la madre Arline, la sorella Stephanie e uno dei fratelli di Meredith, Lyle. La famiglia Kercher ha espresso piena fiducia nei giudici italiani.

Le ultime parole di Amanda alla Corte prima che entrasse in Camera di Consiglio sono state un appello alla verità («Ho rispetto della Corte, vi chiedo giustizia. Io voglio soltanto ritornare a casa e riavere la mia vita»), un ricordo del dolore sofferto negli ultimi quattro anni («Io ho perso un’amica nel modo piu’ brutale e inspiegabile. Se fossi stata in quella casa sarei morta anch’io, insieme a Meredith») e soprattutto una netta dichiarazione di innocenza («Non ho ucciso, non ho violentato, io non ero presente a questo crimine. Io sono innocente»).

In parte simile quanto dichiarato da Sollecito («Non ho mai fatto del male a nessuno») che ha chiesto per sè e Amanda il diritto a ritrovare la speranza per un nuovo futuro, dove si realizzi quell’augurio che porta inciso su un braccialetto sempre indossato negli anni del processo ‘Amanda e Raffaele liberi’.

Redazione

foto claudiocaprara.ilcannocchiale

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews