Pechino: allarme smog, residenti invitati a rimanere in casa

Registrati livelli di inquinamento ben oltre la soglia massima consentita, le autorità di Pechino hanno invitato i residenti a non uscire di casa

pechino

Allarme inquinamento a Pechino. la quantità di Pm 2,5 è circa quindici volte la soglia massima consentita. Le autorità cinesi indagano sul possibili emissioni illegali, mentre invitano i residenti a non uscire (foto: dailygreen.it)

Le autorità di Pechino hanno invitato i residenti a non uscire dalle loro abitazioni a causa dello straordinario livello di inquinamento dell’aria. Secondo le rilevazioni dell’Ambasciata americana a Pechino, citate da Ansa, a mezzogiorno di oggi la quantità di Pm2,5, particolarmente dannose per la salute, aveva raggiunto le 391 per metro cubo. Un dato agghiacciante, considerando che il massimo livello sopportabile dall’organismo umano è di 25 particelle per metro cubo.

PRONTE MISURE D’EMERGENZA – Secondo quanto riportato da Adnkronos, il Ministero dell’ambiente cinese avrebbe anticipato la possibile introduzione di misure di emergenza per martedì, considerata la concentrazione record di polveri sottili prevista per i prossimi tre giorni, non solo a Pechino, ma anche nelle vicine Tianjin e Hebei, a causa delle condizioni meteorologiche sfavorevoli. Nel frattempo, il Ministero ha già diffuso le direttive alle autorità locali, inviando gli ispettori nelle regioni di Pechino, Tianjin, Shijangzhuang e Langfang, allo scopo di scoprire  eventuali emissioni illegali da parte delle  imprese e verificare l’attuazione delle politiche decise.

LE COLPE DEL CARBONE E IL VERTICE DI PARIGI – Secondo alcuni esperti, il vertiginoso aumento dell’inquinamento delle ultime settimane sarebbe dovuto all’arrivo dell’inverno, con il conseguente accensione degli impianti di riscaldamento, che in Cina sono per la maggior parte alimentati a carbone, che nel Paese fornisce l’80% dell’energia consumata. Il boom dell’inquinamento cinese sarà sicuramente argomento di discussione al prossimo vertice sul riscaldamento globale, che inizierà lunedì a Parigi. La Cina, che sarà rappresentata al massimo livello dal presidente della Repubblica Xi Jinoing, ha investito molto nell’energia pulita, riuscendo però a coprire solo una parte minima dei consumi. Nell’incontro svoltosi lo scorso anno con il presidente statunitense Barack Obama, Xi Jinping aveva dichiarato che Pechino raggiungerà il piccolo delle emissioni nel 2030, per poi iniziare a ridurle gradualmente.

Carlo Perigli

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews