Patologie dell’unghia: onicodistrofia e onicomicosi, come distinguerle e cosa fare

Unghie-patologie

Estate, spiaggia e il piacere di immergersi nell’acqua e lasciar andare tutti i pensieri. L’importante però è non sottovalutare i piccoli problemi alle unghie che, troppo spesso, si tende ad ignorare o a curare con rimedi “fai da te” o suggeriti da conoscenti e amici.

In particolar modo due sono le patologie più diffuse dell’unghia, alle quali bisogna prestare massima attenzione intervenendo in maniera mirata: onicodistrofia e onicomicosi. In apparenza simili, ma profondamente diverse per cause e rimedi.

PATOLOGIE DELL’UNGHIA: ONICODISTROFIA

L’onicodistrofia si manifesta con un cambiamento dell’aspetto e della morfologia dell’unghia e può interessare sia le unghie delle mani sia dei piedi. Le cause più frequenti dell’onicodistrofia hanno origini traumatiche, ossia l’unghia viene sottoposta a sollecitazioni che ne alterano la struttura (microtraumi di tipo sportivo, o dovuti a calzature inadeguate). Le unghie più interessate sono pollice e alluce ma anche le altre dita possono essere colpite dall’onicodistrofia che inibisce la naturale crescita dell’unghia, che diventano più fragili e tendono a rompersi e scheggiarsi.



L’origine può quindi essere genetica (come nel caso nell’onicopsoriasi), o alimentare (ridotto apporto di sostanze minerali, tra cui il ferro, utili per la costituzione dell’unghia). In ogni caso è bene affidarsi ai consigli di uno specialista prima di improvvisare diagnosi e cure fai da te.

PATOLOGIE DELL’UNGHIA: ONICOMICOSI

L’onicomicosi, invece, è di origine prettamente funginea, ed è un’infezione dell’unghia causata principalmente da funghi dermatofiti. Si manifesta prettamente alle unghie dei piedi e, oltre ai problemi estetici, può comportare dolore e sofferenza.

Esteriormente, le unghie affette da onicomicosi tendono ad assumere un colore alterato, si macchiano e cambiano colore, tendendo al giallastro, o marrone. Possono crescere in maniera più spessa, con superficie irregolare e tuttavia più fragile. Il contagio può avvenire nei classici ambienti ad alto tasso di umidità, come palestre o piscine, ma anche il non prestare massima accortezza al cambio quotidiano di calzini e calzature poco traspiranti può favorire il proliferare di funghi.

unghie patologie

Con l’estate che incombe e gli sbalzi di temperatura ancora più frequenti il consiglio, di fronte a qualsiasi cambiamento che si verifica all’aspetto delle unghie o a principi di dolore, è di recarsi dal medico di base e non lasciare nulla al caso. Sarà lui ad indirizzarvi a un prodotto specifico o ad uno specialista. Si tratta di problemi che possono essere risolti con facilità, ma sempre dietro la diagnosi di un esperto. Godetevi l’estate senza paura di mostrare al mondo mani e piedi in tutto il loro splendore.

Foto via donnamoderna.com, comune.torino.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews