Parliamo di Apple: l’iPhone 4S non è l’unica novità

San Francisco – Iniziamo immediatamente con il dire che non si è parlato soltanto del nuovo iPhone all’ultimo keynote di Cupertino, l’attesissimo evento in cui Apple solitamente presenta le ultime sue rivoluzioni tecnologiche. Si è anche parlato del nuovo avanzatissimo sistema operativo iOS 5, del rivoluzionario servizio iCloud e sono stati presentati i nuovi iPod Nano e iPod Touch.

La prima cosa che ha colpito è stata la mancanza di Steve Jobs sul palco, già preannunciata dal suo abbandono della carica di Ceo di Apple a favore di Tim Cook. I più nostalgici come i meno appassionati hanno notato un’assenza non solo fisica, ma soprattutto emozionale. Insomma è mancato lospirito di Steve, e non è poca cosa. Apple sembra però stia riuscendo nell’intento di scindere il connubio tra Apple e il suo storico coofondatore e a proseguire sulla scia dei sui successi, inanellando proprio ieri i suoi ultimi prodotti ed innovazioni.

Il keynote si è aperto con Tim Cook, nuovo Ceo Apple, che ha presentato le ultime statistiche riguardanti l’enorme mercato di iPod, iPhone, iPad e tutta la famiglia dei sui computer Mac, il tutto coronato dalla apertura di nuovi Apple Store, i templi della Apple dove sono venduti i gioielli della casa di Cupertino. Stando ai dati che Tim Cook presenta al pubblico, la crescita su base annua dei Mac è stata del 23%, surclassando i pc che hanno fatto registrare solo il 4% di crescita. In pratica un computer su quattro venduto è un Mac.

Per ciò che concerne iPod, il nuovo Ceo non ha fatto altro che confermare quello che ormai è un quasi monopolio sul mercato degli Mp3, presentando cifre astronomiche relative alle vendite. Si parla di quasi 300 milioni di iPod venduti da quando è stato lanciato il primo iPod nel 2001, detenendo circa il 78% del mercato.
Si passa poi al pezzo forte della presentazione, vengono mostrati i dati di crescita e di vendite dell’ iPhone 4, il quale fa registrare una crescita anno annua del 125%. Ancora una volta surclassando la crescita dei diretti concorrenti.
Ultimo richiamo riguarda l’ultima creazione della Mela, iPad: la sua versatilità e facilità di utilizzo nei più svariati campi ne ha fatto il tablet più venduto al mondo, riuscendo a detenere ben il 74% dell’intero mercato dei tablet: «La gente non vuole comprare tablet, la gente vuole iPad» laconica espressione di Tim Cook per descrivere il successo di iPad sulla concorrenza.

Il keynote è proseguito snocciolado al pubblico di sviluppatori e giornalisti provenuti da tutto il mondo, i diversi punti forti all’ordine del giorno, partendo dal sistema operativo iOS.

iOS – il sistema operativo di iPod, iPhone e iPad – si presenta come il primo della classe tra i sistemi operativi, detenendo il 43% del mercato e si appresta a crescere ancora di più con il nuovo iOS 5. Notifiche, Lettere, iMessagi, sono solo alcune delle nuove caratteristiche del nuovo fantastico sistema operativo. Una delle novità introdotte che  probabilmente sarà più apprezzata è la possibilità di scattare fotografie con il proprio iPhone premendo semplicemente il tasto del volume. Altra interessante innovazione è che ora per attivare il nuovo iPhone non ci sarà più bisogno di collegarlo al proprio computer, ma sarà possibile farlo direttamente tramite internet. Questo vale anche per gli aggiornamenti e i backup di sistema.

iCloud, è l’altro grande tema del keynote. Già presentato nelle sue caratteristiche fondamentali quest’estate al WWDC, viene qui ripresentato ancora più nel dettaglio. iCloud consente di porre una copia della propria musica, fotografie, documenti e ben altro direttamente su un hard disk in remoto che ridistribuisce tutti i dati aggiornati sul proprio iPhone o su ogni altro iPod, iPad in vostro possesso, e anche sul vostro Mac. Tutto ciò gratuitamente. A essere apprezzato sarà soprattutto iTunes Mirroring: per ogni canzone tenuta nella propria libreria musicale iTunes ne cerca una copia nel proprio mega database, e una volta verificata la canzone, automaticamente potrà essere ascoltata in streaming tramite il proprio iPhone, iPod o iPad. Quest’ultimo servizio non è incluso nel pacchetto di servizi gratuiti che Apple offre con iCloud, ma avrà una spesa annuale di circa 24$, mentre al momento ancora non si hanno informazioni di quanto il servizio costerà in Europa o in Italia.

Vengono poi presentati i nuovi iPod Nano e iPod Touch. In verità nessun grande stravolgimento, solo alcune migliorie. iPod Nano viene aggiornato con nuovo software e nuovi prezzi rivisitati al ribasso, mentre il fratello maggiore iPod Touch, oltre a ricevere il nuovo iOS 5, subisce anch’esso una riduzione del prezzo ed è stata presentata anche l’attesa versione bianca.

E finalmente l’atteso iPhone, il motivo stesso del keynote. Purtroppo per i più che attendevano un rivoluzionario cambio generazionale dello smartphone più amato al mondo, sono state disattese le aspettative. Nessun iPhone 5, bensì solo un iPhone 4S. La struttura del melafonino è rimasta praticamente invariata, mantenendo le caratteristiche del vecchio iPhone 4. Quello che cambia non si vede subito ad occhio nudo, ma c’è e si nota immediatamente. iPhone 4S è estremamente più veloce del suo predecessore. Il processore cambia è diventa due volte più veloce passando ad un A5, l’attuale processore doppio core che monta iPad 2. Viene poi sensibilmente aumentata la durata della batteria e montata una fotocamera completamente ridisegnata. Ora raggiunge gli 8 Mpx e viene aggiunto un nuovo sensore che potenzia la sensibilità ambientali della fotocamera coadiuvata da cinque nuove lenti, contro le quattro dell’iPhone 4.
A detta di Apple viene anche risolto il famigerato problema con l’antenna di cui per tanto tempo si è parlato, con un sistema che bypassa il segnale radio nel momento in cui si dovesse creare qualche interferenza nella ricezione del segnale da una antenna all’altra.

Una delle funzionalità davvero incredibili è Siri, un applicazione integrata in iOS 5, che consente il comando vocale come mai lo si è visto prima. Siri consente di impartire al proprio iPhone dei comandi semplici o più articolati – come chiedere di segnare un appuntamento sul proprio calendario, di leggere un messaggio o scriverne uno -  semplicemente chiedendolo al proprio iPhone. Ricerche sul web, chiedere il cambio attuale tra valute, chiedere che tempo fa, sembra che Siri non abbia limiti, capace di comprendere più tipologie di richiesta per uno stesso comando. Dalla presentazione fatta durante il keynote sembra a dir poco incredibile quello che questa nuova applicazione può fare. Non solo è una voce che esegue i propri comandi, ma sembra possa seguire una vera conversazione.

Mentre iOS 5 con iCloud raggiungeranno il mercato questo 12 di ottobre per tutti i dispositivi Apple gratis, il nuovo iPhone 4S verrà lanciato sul mercato il 14 di ottobre solo in alcuni Paesi, e arriverà in Italia come nel resto d’Europa per il 28  ottobre.

Antonio Tiritiello

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews