Panico a Roma per il fanta-terremoto dell’11 maggio: chiuso il Parlamento

Roma -In seguito al terremoto del Giappone, è impazzata sul web la notizia di un terribile terremoto che avrebbe dovuto radere al suolo la città eterna, previsto dallo scienziato Raffaele Bendandi per la data dell’11 maggio, domani appunto.

Che si tratti di una bufala è evidente. Tutta la comunità scientifica si è espressa per rassicurare gli abitanti sul fatto che oltre a non essere Roma una città ad alto rischio sismico, resta comunque assolutamente impossibile prevedere un terremoto con anni di anticipo.

Tra l’altro pare che nemmeno il povero Bendandi, morto ormai 32 anni fa, avesse davvero predetto tale terremoto. Seppure i suoi studi e le sue previsioni siano ritenuti privi di validità empirica e fondatezza teorica dalla comunità scientifica, lo strampalato scienziato è balzato più volte agli onori della cronaca come Colui che prevede i terremoti”, come nel caso del terremoto delle Marche del 1923 e di quello del Friuli del 1976.

Gli stessi studiosi di Bendandi affermano che nei documenti relativi al 2011 non si trova nessun riferimento a luoghi o date precise, come quelle che sono state riportate su Internet e considerano le notizie su un presunto terremoto previsto per l’11 maggio 2011 a Roma destituite di ogni fondamento.

A Roma, pero’, nessuno ci crede e nessuno lo dice, ma sono in molti ad essere premurosamente fuggiti dalla città con le scuse più disparate: negozi chiusi per ferie o inventario; picchi delle assenze per motivi di salute tra dipendenti e studenti delle scuole elementari.

Nella China Town romana si parla addirittura di panico vero e proprio. Una barista della zona ha commentato: “Sono terrorizzati e non parlano di altro da giorniSono in tanti che domani non andranno a lavoro. Già oggi alcuni sono chiusi e i loro titolari sono andati via da Roma. Il bello è che hanno scritto le scuse più assurde quando invece a me hanno confessato di aver paura.

Anche la presidente Polverini è intervenuta sulla psicosi e a chi e fosse preoccupata per il terremoto annunciato per domani a Roma.: “Assolutamente no. Io sono tranquilla, insomma, credo di no”

Secondo alcuni, un fatto che proverebbe l’attendibilità della previsione di Bendandi è il fatto che proprio l’11 maggio la Camera dei deputati resterà chiusa. Speriamo sia solo una coincidenza.

Davide Lopez

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews