Omicidio Scazzi, Ivano Russo: «Con Sabrina nessun rapporto completo»

Taranto - E’ una giornata importante quella di oggi per il proseguo del processo sull’omicidio di Sarah Scazzi, la quindicenne di Avetrana brutalmente uccisa il 26 agosto 2010.

Per la terza udienza del processo, si è presentato oggi davanti ai giudici Ivano Russo, una testimonianza considerata chiave nella ricostruzione del delitto poiché il ragazzo, il quale aveva stretto rapporti di una certa intimità sia con Sarah che con Sabrina, rappresenta al momento il più probabile movente dell’omicidio.  Il 29enne di Avetrana era, secondo l’accusa, conteso tra le due cugine e avrebbe scatenato la folle gelosia di Sabrina.

Ivano non si tira indietro e spiega nel dettaglio i suoi rapporti con le due cugine, descrivendo minuziosamente cosa era accaduto con entrambe.
Descrive Sarah come una ragazza ben voluta da tutti, una ragazzina desiderosa d’affetto a causa della mancanza del padre e del fratello, spesso via per lavoro. Spesso lei chiedeva a Russo di abbracciarla e lui lo ha sempre fatto, ma senza alcun tipo di malizia.

Poi, parlando del rapporto con Sabrina, che aveva conosciuto nel 2009, Russo ha detto: “inizialmente ho instaurato un rapporto di amicizia, poi diventato via via più confidenziale. Quando mi accorsi che lei era ambigua e che i complimenti andavano oltre, le chiesi se per lei era ancora amicizia o qualcos’altro, e lei mi disse che era amicizia”.
Nel corso della testimonianza, però, il pm Mariano Buccoliero ha letto alcuni sms scambiati tra Sabrina e Ivano dai quali emerge che tra i due il 21 giugno del 2010 ci fu un rapporto sessuale. “Una sera ci siamo appartati, lei si è spogliata, ma non c’è stato rapporto sessuale, ci fu una penetrazione ma non un rapporto completoIo mi bloccai perché volevo che restasse solo amicizia, e lei si rivestì”.
Dopo questo fatto, Ivano decise che fosse meglio allontanarsi da Sabrina, e pochi giorni dopo arrivò la notizia di Sarah.

Durante l’interrogatorio vengono poste a  Ivano anche delle domande riguardanti il giallo del diario di Sarah, nascosto da Sabrina agli investigatori per paura che Ivano potesse essere indagato. Questa in sostanza la risposta del ragazzo del teste: ”Il giorno del delitto o il giorno dopo – spiega Ivano – Sabrina mi mandò un sms dicendo che aveva trovato un diario di Sarah in cui diceva che aveva un debole per me. Mi disse che non lo consegnava di comune accordo con la madre di Sarah perché temeva che mi indagassero. Io non risposi e poi ho cancellato questo messaggio perchè mi spaventai. Forse sarebbe stato meglio consegnarlo, forse ho sbagliato e avrei dovuto dirlo”.

Davide Lopez

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Una risposta a Omicidio Scazzi, Ivano Russo: «Con Sabrina nessun rapporto completo»

  1. avatar
    Bombardmeister 01/02/2012 a 16:27

    penetration without eiaculation… tostigkeit…

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews