Omicidio Melania Rea: verso il giorno della verità

ASCOLI – Il rebus inestricabile e oscuro del giallo Rea sembra sempre più vicino allo scioglimento. Appena arriveranno i risultati delle perizie, in particolare dell’esame autoptico, qualche spiraglio di verità emergerà e da lì tutto prenderà, molto probabilmente, una piega diversa.

 

Si potrà capire com’è morta Melania, quel maledetto giorno a Ripe di Civitella, e a collegare tutti particolari, a partire dalle risultanze telefoniche che potrebbero chiarire presenze e assenze a Ripe.

Insomma, in una mescolanza di elementi utili si spera ne venga fuori qualcuno decisivo, per capire cosa davvero è accaduto alla povera Melania.

 

Il giallo si tinge di mistero ogni giorno che passa, ma le indagini vanno avanti e gli inquirenti non si fermano, convinti che tutto alla fine tornerà come in una scacchiera: chi c’era quel giorno, cosa fece e dove andò.

Il perchè il telefonista anonimo si spostò fino alla Stazione di Teramo per denunciare il ritrovamento del corpo e perchè il telefono di Melania fu spento e poi riacceso.

Tutti interrogativi senza risposta finora, ma che potrebbero a breve prendere una forma più definita e magari trovare risoluzione.

Natalia Radicchio

Foto| via www.direttanews.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

2 Risponde a Omicidio Melania Rea: verso il giorno della verità

  1. avatar
    Sensitivo 04/06/2011 a 22:12

    Certo, se fosse confermato, come tutto lascia presagire, che la cella telefonica di Ripe di Civitella del Tronto, e non quella di Colle San Marco, ha agganciato fra le 14 e le 14,30, il cellulare sia di Melania che di Salvatore, come trapela da indiscrezioni degli ambienti investigativi, sarebbe un colpo durissimo per la credibilità del Parolisi, la cui attendibilità è già fortemente minata dalla sua infedeltà coniugale più assoluta, ed unitamente a tutti gli altri elementi finora emersi, i dubbi, i sospetti ed i molteplici indizi contro di lui, giustificherebbero pienamente, a mio avviso, addrittura un mandato di cattura o d’arresto a suo carico. Ed allora sì che al caporalmaggiore servirebbero davvero i due difensori legali appena nominati, per spiegare il perchè dell’omicidio.

    Rispondi
  2. avatar
    Natalia 17/06/2011 a 09:35

    Concordo pienamente!

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews