Oltre la Notizia: che cosa succede dopo la Prima Pagina?

La rubrica di Wakeupnews che riempie il week end di novità sui temi passati in Primo Piano

di Laura Dabbene

Esempio di abusivismo edilizio

La constatazione e la denuncia dell’assalto del cemento che ha conquistato il territorio padano nella zona emiliano-parmense pare essere destinato a conquistare ottima compagnia grazie ad un’idea lanciata dal fotografo Oliviero Toscani. Insieme al FAI (Fondo per l’ambiente italiano), da sempre in prima linea nella lotta allo scempio paesaggistico di cui il nostro Paese soffre cronicamente, Toscani richiama tutti i cittadini italiani ad armarsi di macchina fotografica, o di un semplice telefono cellulare con fotocamera, per immortalare le violenze edilizie ed urbanistiche che dilagano sul territorio, insidiando i centri abitati sottoposti a sviluppi selvaggi e mortificando le campagne con abusi di ogni sorta. Tante foto, quindi, per documentare e porre all’attenzione tutti i fenomeni di scempio del bello, con un progetto cui ha aderito anche il direttore della Scuola Normale di Pisa Salvatore Settis, storico dell’arte sensibile a questa come ad altre problematiche che minacciano il patrimonio storico-artistico costituito dal paesaggio in cui città d’arte e monumenti si inseriscono e trovano la propria contestualizzazione. Il neonato progetto ha già un nome, Paesaggio Italiano, e l’obiettivo è creare un grande archivio multimediale, all’interno di un sito internet in cui mappare piccoli e grandi ecomostri sul suolo italico.

Allarme obesità. Se ne sono denunciati di recente gli effetti altamente negativi, sia sotto il profilo della salute e del benessere individuale, sia per i costi imposti alla collettività da un soggetto sovrappeso rispetto ad un coetaneo normopeso. La ricerca di un’equipe dell’Inserm di Parigi (Institut National de la Santé), guidata dalla Dott.ssa Nathalie Bajos e pubblicata sul «British Medical Journey», rincara ulteriormente la dose e mette in guardia contro i pericoli dei chili di troppo nella sfera della vita sessuale. L’obesità è certamente nemica del sesso per questioni estetiche e riduce molto le possibilità di trovare un partner, ma anche per motivi più seri che nulla hanno a che vedere con l’ideale di perfezione fisica. Le donne sovrappeso sono a maggior rischio di gravidanze indesiderate (+ 4 volte rispetto ai valori normali), di aborti spontanei e di trasmissione di malattie sessuali. Per gli uomini il disturbo più comune legato all’accumulo di grasso corporeo è quello della disfunzione erettile, che può nei casi peggiori arrivare all’impotenza. Occhio al peso quindi, per non perdere davvero nulla del piacere dell’amore.

Nemico della salute, si sa è anche l’abuso di bevande alcoliche ed in Italia è scattato un nuovo allarme. Che tra i piaceri della tavola italiana vi sia un buon bicchiere di vino ad ogni pasto è tradizione che, con cautela, non ha eccessive controindicazioni, ma i dati sull’aumento del consumo di alcolici e superalcolici nel nostro Paese sono preoccupanti. L’Eurispes (Istituto di studi politici economici e sociali) e Telefono Azzurro denunciano un record negativo in Italia rispetto ai paesi membri dell’Unione Europea: l’età della prima bevuta è intorno ai 12 anni a fronte di una media europea di 14,6 anni.

Giovani e alcolici: si inizia a 12 anni

Pare essersi non solo abbassata drasticamente l’età d’esordio verso un consumo di bevande alcoliche, che può degenerare in un abuso, ma si è verificato un significativo mutamento delle abitudini dei giovanissimi, delle motivazioni che sono alla base delle scelte di bere vino, birra o superalcolici, nonché degli obiettivi. La tendenza dominante è quella al binge drinking, cioè il bere per ubriacarsi: uno sballo che, se accentuato dall’uso di sostanze stupefacenti, può essere letale. La semplice sbronza comunque, si sa, può essere da sola causa di gravi incidenti stradali, spesso mortali.

Chiusura di rubrica con qualche news sui libri digitali. A quasi un anno dal lancio europeo di Kindle, il libro digitale di Amazon , e in attesa dei bilanci di vendite nei primi 12 mesi, i dati provenienti dagli Stati Uniti sono positivi e parlano di un mercato in continua e vertiginosa crescita: nel 2009 sono stati più di 3 milioni gli e-books acquistati e nella prima metà del 2010 il ritmo di vendite è raddoppiato. La crescita si deve forse anche alla riduzione dei prezzi da parte dei principali produttori: il Nook delle librerie Barnes & Noble è passato da 259 a 199 dollari, il rivale Kindle è sceso, partendo dallo stesso tetto, a 189 dollari. Dall’Italia e dal mercato nazionale arrivano bilanci positivi non in termini di vendite, ma di offerta di contenuti. Secondo quanto emerso dall’edizione milanese di Editech 2010, organizzato dall’AIE (Associazione Italiana degli  Editori), due titoli su cento, entro la fine dell’anno, saranno e-book.  Tendenze e prospettive del settore editoriale digitale sono quelle che mirano ad una moltiplicazione dei titoli ora disponibili entro dicembre 2010: da un attuale 0,7%  ad un 2%.

FOTO preview/ via http://www.sxc.hu/; FOTO articolo/ via www.legambiente.eu; prevenzionecsg.wordpress.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews