Oltre la Notizia: che cosa succede dopo la Prima Pagina?

La rubrica di Wakeupnews che riempie il week end di novità e aggiornamenti sui temi passati in Primo Piano

di Laura Dabbene

Un trattamento con fanghi termali

Qualche mese fa la Redazione Viaggi di Wakeupnews propose un week end, misto di cultura e relax, nel territorio maremmano di Sorano, incantevole per le sue sorgenti termali. Mai  consiglio fu più oculato e vicino ai desideri degli italiani, almeno alla luce di un recente sondaggio di TripAdvisor. Secondo i dati raccolti ben 3 soggetti su 4 gradiscono una vacanza relax in un centro benessere, meglio se provvisto di strutture e risorse naturali per le cure con acque calciche e sulfuree, vero toccasana per dolori articolari, artrite reumatoide e molti inestetismi dell’epidermide. In testa agli indici di preferenza vi sono i trattamenti che gratificano nello stesso tempo corpo e mente, come i massaggi e le terapie bio-emozionali, ultimissima novità nel settore. Quella delle vacanze benessere pare un’oasi felice dell’economia del turismo, anche in questi tempi di crisi: nell’estate 2009, cui risalgono gli ultimi dati in attesa della stagione 2010, si è registrato un aumento del 10,5% delle presenze. Non ci si stupisce, in fondo, che in un momento non facile sotto molti aspetti si ricerchino, nel tempo libero, spazi di totale abbandono e rilassamento per ricaricare le batterie e tornare sul campo di battaglia della vita di ogni giorno.

Più che battaglia, vera guerra è quella che fronteggiano tutti i lavoratori precari, in prima linea i ricercatori universitari. In un’assemblea nazionale tenutasi a Milano negli scorsi giorni, le delegazioni di ricercatori provenienti da 32 istituzioni accademiche italiane hanno discusso del nuovo ddl del ministro Gelmini, che vorrebbe introdurre una figura di ricercatore a tempo determinato per 6 anni, da assumere poi come professore associato o da rispedire candidamente al mittente, secondo le risorse economiche disponibili alla fine del mandato. Al di là di questa formula “usa e getta”, certo poco incentivante, i ricercatori riuniti a Milano hanno lamentato che non si menzionino affatto tutti coloro che già ora svolgono negli atenei attività di ricerca, ma anche e soprattutto offrono un indispensabile sussidio alla didattica e al tutoraggio. L’assemblea ha proposto di stilare un documento unico e condiviso da inviare al Ministero della Pubblica Istruzione, con richieste che mettono al primo posto la garanzia di fondi ed investimenti, e si è detta pronta alla mobilitazione se il decreto legge dovesse essere approvato. È il caso di esclamare: “Precari di tutto il mondo, uniamoci!”.

E-book: nuova fruizione per libri e quotidiani

Serata conclusiva in grande stile per il Festival Internazionale del giornalismo di Perugia, con un dialogo aperto tra due “big” della carta stampata, Eugenio Scalfari e Michele Serra, insieme al regista Giuseppe Tornatore e a Walter Veltroni, in veste di scrittore. Diversi i temi e gli argomenti trattati, con un comune filo conduttore, quello della memoria, sia in senso storico e collettivo che personale, intimo ed individuale. Dall’analisi del momento politico attuale, inserito da Scalfari in un contesto storico che affonda le proprie radici nella calata delle popolazioni barbariche tra IV e V secolo, si è passati ad affrontare il modo in cui il cinema, con l’esempio di Baaria di Tornatore, e la letteratura, con Noi di Veltroni, possano trattare la vicenda della maturazione storica del nostro Paese. Diversi quindi i modi della scrittura chiamati in causa, quello per immagini del linguaggio filmico e quelli che utilizzano le parole come la narrativa, la saggistica e il giornalismo, per chiudere un importante appuntamento, che ha raccolto nel capoluogo umbro il meglio del giornalismo nazionale ed internazionale.

Scrittura e letteratura. Libri e quotidiani. Accanto ad un loro tradizionale aspetto cartaceo sta prendendo sempre più piede la nuova versione “virtuale”, on-line o digitale. L’e-book di Amazon lanciato a dicembre sul mercato italiano, Kindle, pare riconfermarsi leader nel settore con la creazione di una nuova applicazione che rende l’utilizzo di questo strumento ancora più duttile. Da inizio aprile, infatti, Amazon ha reso possibile la lettura dei propri libri elettronici su tutti i tablet della Apple, incluso l’iPad. Oltre 500mila sono i titoli disponibili in versione digitale ed esiste l’ulteriore possibilità di sincronizzare tra loro i diversi dispositivi in uso, per trasferire in qualunque momento l’operazione di lettura dall’uno all’altro. Le nuove tecnologie ce la stanno mettendo davvero tutta per accrescere la concorrenza verso il libro cartaceo, e senza dubbio le potenzialità e i vantaggi sono stupefacenti, eppure anche noi di Wakeupnews, che pure pratichiamo giornalismo sul web, continuiamo ad amare tanto l’odore della carta. Quella vera.

FOTO/ via www.grandealbergofortuna.it; blogs.yankeegroup.com; http://www.sxc.hu/

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews