Olimpiadi, il PanSorriso per il buonumore degli atleti

Di sicuro agli atleti pronti per le Olimpiadi di Londra non manca la motivazione, né tantomeno la voglia di assaporare la vittoria, ma dal Salento arriva un incoraggiamento in più da gustare – nel vero senso della parola – insieme alle medaglie che, si spera, gli atleti azzurri vinceranno. Il pasticcere Giovanni Venneri infatti ha creato il PanSorriso, meglio conosciuto come “dolce della salute e del buonumore”.

Olio extravergine d’oliva – prodotto dall’amico Mimmo Adamo – al posto del burro, miele salentino in sostituzione dello zucchero e un grande sorriso in cioccolato disegnato sopra: queste sono le caratteristiche del dolce “firmato” dal maestro pasticcere di Alliste (Le), che lo rendono delicato e leggero, sano e altamente digeribile. Per ora il suo inventore ne ha previste due varianti, con due aromi gustosi all’arancia e ai fichi.

Il PanSorriso è stato presentato al pubblico e alla stampa lo scorso 25 maggio nell’ambito del Festival della Dieta Med-Italiana, la kermesse promossa degli studenti dell’Istituto Costa di Lecce appartenenti al movimento “Repubblica Salentina”, riscuotendo fin da subito un grandissimo successo tra giornalisti, esperti, cittadini del luogo e i numerosissimi turisti giunti in città per l’ evento.

kids468x60

La nuova promessa della pasticceria italiana ha anche un nome e un logo significativi e impossibili da dimenticare: questo dolce infatti regala buonumore anche solo a pronunciarlo e l’icona che lo rappresenta ricorda il sole ridente della terra pugliese.

Per ogni medaglia d’oro, argento o bronzo, che i nostri connazionali vinceranno alle olimpiadi Giovanni Venneri promette di inviare dal Salento un PanSorriso. «So bene che il mio PanSorriso è ben poca cosa – commenta il pasticciere salentino – ma è l’unico modo che ho, ed è un modo molto dolce, per incoraggiare personalmente tutti gli atleti italiani in partenza per Londra».

Il pasticcere afferma inoltre che l’apice della gioia giungerebbe qualora le medaglie provenissero da parte degli atleti pugliesi in gara alle Olimpiadi, come ad esempio Flavia Pennetta e Roberta Vinci per il tennis, Daniele Greco e Rosaria Console per l’atletica, Eliana Nardelli e Francesco Bruno per il tiro a segno, Pia Carmen Maria Lionetti per il tiro con l’arco, Luigi Mastrangelo per la pallavolo, Carlo Molfetta per il taekwondo e Luigi Samele per la scherma.

Con l’ambizione di farlo diventare il dolce italiano della salute e del buonumore, oggi Giovanni ne produce circa venti pezzi al giorno, anche se afferma scherzosamente «speriamo che gli azzurri non ne vincano più di cinquanta però, altrimenti finisco sul lastrico!».

 Giulia Dell’Uomo

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews