Olbia, abusi sulla figlia di quattro anni: in manette un sessantenne

Le violenze e gli abusi sulla bambina si protraevano da circa due anni: il padre orco è stato arrestato

abusi violenza sessuale

Le violenze ai danni della bambina si protraevano da circa due anni

Olbia – Ieri sera sono scattate le manette nei confronti di un sessantenne di Olbia, reo di aver compiuto abusi e violenze sulla propria figlioletta. Una vicenda terribile che gela il sangue, soprattutto perché si è svolta all’interno di dinamiche familiari.

IL FATTO – Originario di Nuoro, ma da tempo residente nella cittadina gallurese, l’uomo era separato dalla compagna, una donna romena sulla quarantina. Secondo le prime ricostruzioni avrebbe violentato la bambina per diversi mesi e in particolare gli abusi sarebbero iniziati già da quando la bambina aveva soltanto quattro anni. A far nascere il dubbio nella madre, alcuni strani comportamenti della piccola, restia a incontrare l’altro genitore, verso cui iniziava a mostrare un certo nervosismo. Tale disagio era piuttosto evidente nei giorni in cui erano previsti i normali incontri tra la bambina e il padre, così come stabilito dal Tribunale. Tuttavia quel padre che avrebbe dovuto garantire un futuro sereno per la propria figlia, si è trasformato in un orco.

INDAGINI E MANETTE – Allarmata dal comportamento della figlia, la donna ha deciso di rivolgersi a una struttura sanitaria per comprendere l’origine di tale malessere. Gli accertamenti medici hanno rivelato una triste verità: sul corpicino infatti, c’erano evidenti segni di violenza sessuale. Proprio da queste prove sono partite le indagini, fino all’arresto compiuto dai carabinieri su richiesta del giudice per le indagini preliminari di Tempio. Per l’uomo è stata disposta la custodia cautelare in carcere, e nei suoi confronti pesa un’accusa gravissima: violenza sessuale continuata e aggravata, cui si aggiunge anche l’aggravante della tenera età. La piccola è ora seguita da assistenti sociali e da psicologi, i quali la affiancheranno nel duro percorso di riabilitazione.
Non è certo la prima volta che la cronaca restituisce dei casi di gravi abusi e violenze a danni di minori, fatti gravissimi e che meritano una severa repressione.

Angela Piras

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews