Da oggi sarà lo smartphone a diagnosticare la depressione

Da oggi lo smartphone diagnosticherà la depressione: il cellulare identificherebbe i soggetti depressi con una precisione fino all'87 percento

L'utilizzo giornaliero dello smartphone per oltre 68 minuti indicherebbe che si è affetti da depressione (www.huffingtonpost.it)

L’utilizzo giornaliero dello smartphone per oltre 68 minuti indicherebbe che si è affetti da depressione (www.huffingtonpost.it)

Se ieri, da una ricerca compiuta dalla Florida State University, era emerso che il suono di una notifica o il trillo di una telefonata del nostro smartphone riescono a distoglierci completamente dal compito che stavamo svolgendo – quindi distraendoci completamente -, oggi un’altra ricerca, stavolta condotta dai ricercatori della Northwestern Medicine, ci fa sapere che il nostro smartphone è in grado di dirci con estrema certezza – nei test ci ha visto giusto nove volte su dieci – se siamo depressi o meno.  

POSSIAMO MENTIRE A TUTTI, MA NON AL NOSTRO SMARTPHONE – Il “male di vivere” così caro a Eugenio Montale, quindi, può essere rilevato da speciali sensori inseriti nello smartphone, i quali rilevano la quantità di tempo che passiamo davanti allo schermo del telefono cellulare: se passiamo molto tempo davanti allo schermo dello smartphone abbiamo maggiori possibilità di soffrire di depressione. Non solo: analizzando contemporaneamente una localizzazione geografica quotidiana, lo smartphone capisce se passiamo molto tempo a casa oppure usciamo a divertirci o a distrarci spesso. Questo studio della Northwestern Medicine è stato pubblicato sul «Journal of Medical Internet Research».

Dallo studio è inoltre emerso che l’utilizzo medio quotidiano dello smartphone fra le persone depresse è stato stimato in circa 68 minuti, mentre per le persone non depresse in circa 17 minuti. Anche trascorrere la maggior parte del tempo a casa e modificare poco la propria posizione all’interno della stessa abitazione, quindi stando sempre nella propria camera da letto o in soggiorno sul divano – tutte azioni che recepisce il Gps dello smartphone – è indice che si soffre o si sta cominciando a soffrire di depressione.

Depressione (www.giacinto.org)

Depressione (www.giacinto.org)

Gli esperimenti sono stati condotti su 28 individui totali, di cui 14 “sani” e 14 con  una diagnosi in atto di “depressione”: gli scienziati hanno dichiarato di aver identificato le persone a cui era stata precedentemente diagnosticata la depressione senza che loro lo sapessero con una precisione dell’ottantasette percento. David Mohr, direttore del Center for Behavioral Intervention Technologies della Northwestern University Feinberg School of Medicine ha detto: «Siamo in grado di rilevare se una persona ha sintomi depressivi e la gravità di questi sintomi senza chiedere tutta una serie di domande scomode. È una misura oggettiva del comportamento legato alla depressione, che è possibile effettuare discretamente e senza alcuno sforzo da parte degli utenti».

Mariangela Campo

@MariCampo81

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews