Obama su Putin: non porterà ‘la pace con le bombe’. Da quale pulpito

Obama

Obama e Putin (foto: opinione-pubblica.com)

Il Presidente degli Stati Uniti d’America Barack Obama, parlando dell’intervento militare russo in Siria, ha detto: «Non riusciranno a portare la pace con le bombe». Sconfessando, così, la politica estera americana degli ultimi anni.

BOSNIA, KOSOVO E IRAQ - Nella guerra in Bosnia dei primi anni novanta la Nato, quindi anche gli Stati Uniti, sono intervenuti in un conflitto che non li riguardava affatto. Pochi mesi dopo avvenne lo stesso con la guerra del Kosovo. Dopo gli attentati dell’11 settembre 2001, gli Stati Uniti andarono a fare la guerra all’Iraq a suon di bombe (chissà se Obama ricorda l’Iraq). Il motivo ancora non si è capito, quello ufficiale era smantellare le armi di distruzione di massa in possesso di Saddam Hussein. Tali armi, però, non sono state trovate. In precedenza ce le aveva, tant’è che il regime di Saddam uccise migliaia di curdi iracheni a Halabja nel 1988, ma in quell’occasione nessuno alzò un dito. Fatto sta, la guerra all’Iraq ha causato, oltre alla nascita dell’autoproclamato Stato Islamico e al disfacimento di uno Stato che aveva trovato un ordine solo sotto il dittatore nato a Tikrit, un numero imprecisato fra i 144.384 e i 166.085 morti (fonte iraqbodycount.org). Se si considerano anche i combattenti, la cifra sale a 224.000.

AFGHANISTAN E LIBIA - Ancora più insensato fu l’intervento americano in Afghanistan, anche quello a suon di bombe. Come Massimo Fini nei suoi articoli e libri ha riportato più volte, non c’era neanche un afgano fra i terroristi che causarono gli attentati dell’11 settembre. L’Afghanistan era governato dal Mullah Omar, un signore che non ha mai voluto fare la guerra santa a nessun Stato sovrano straniero e che si guadagnò la sua leadership durante la guerra ai mujaheddin. Infine, proprio durante l’amministrazione Obama, la Nato – in primis Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna – sono intervenuti in Libia contro Gheddafi. Oggi la Libia è nel caos più completo.

A portare la pace con le bombe ci hanno provato, più di una volta e mai con buoni risultati, gli Stati Uniti. Con che coraggio, quindi, Obama ora se la prende con Putin che attacca i terroristi e difende il governo legittimo – quello di Assad – di uno Stato sovrano?

Giacomo Cangi

@GiacomoCangi

foto: opinione-pubblica.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews