Nubifragio, nuova frana a Messina Collegamenti ancora molto difficoltosi

Prosegue l’emergenza maltempo nel Messinese dopo il violento nubrifragio. A causa della pioggia battente, un’altra frana è caduta sul varco scavato dagli uomini dei soccorsi per collegare la frazione di Molino ad Altolia, bloccando la circolazione. E’ invece libera la strada che da Giampilieri porta a Molino. Collegamenti difficili anche tra Messina e Catania. Il bilancio del tragico nubifragio al momento è di 22 morti, 35 dispersi e oltre 100 feriti.

13.35 – “Stop a tasse e mutui”. ”Bloccheremo le tasse e i mutui ai cittadini delle zone colpite dall’alluvione”. Lo ha detto il premier Silvio Berlusconi, agli sfollati.

13.30 – “Faremo come in Abruzzo”. “Qui ci sono due negatività, i tempi e la sicurezza. Faremo come all’Aquila. Costruiremo dove c’è sicurezza. Vi saremo vicini con tutti i mezzi. Abbiamo la grande esperienza dell’Abruzzo, nel tempo necessario vi daremo le case”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi incontrando gli sfollati. “La ricostruzione costa troppo e non è sicura. Quindi faremo come a L’ Aquila: nuove abitazioni in altre zone ma sempre all’interno del tessuto urbano”, ha precisato.

13.20 – “Non ci abbandonate”. Il premier Silvio Berlusconi, dopo aver lasciato l’albergo Capo Peloro, andato nel villaggio turistico Le Dune, ad un paio di chilometri, dove sono ospitati circa 190 sfollati. Il premier si è anche qui fermato a parlare con le persone che hanno elogiato il lavoro della protezione civile, delle forze dell’ordine e dei vigili del fuoco e che hanno però chiesto di “non essere abbandonati” dicendo di volere tornare presto nelle proprie abitazioni.

13.13 – Berlusconi: “Impressionante”. “Quello che ho visto dall’elicottero è davvero impressionante. Meno male che siete scampati. Sono felice di vedervi qui. Per poco non veniva giù l’intera montagna. Coraggio state tranquilli”. Sono le parole che il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha rivolto nell’hotel Capo Peloro, a Messina, ad alcuni degli sfollati del nubifragio. Il premier era accompagnato dai ministri Altero Matteoli e Stefania Prestigiacomo e da amministratori locali.

12.50 – Berlusconi dagli sfollati. Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi è da poco arrivato all’Hotel Capo Peloro, uno dei quattro alberghi che ospita gli sfollati del nubifragio che ha ridotto in ginocchio il litorale sud di Messina. Il premier è accompagnato dal ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo ed è entrato senza fermarsi a parlare con i giornalisti.

12.45 – Assicurazione obbligatoria contro calamità. “Basta con l’indignazione per la frana di Messina a tre giorni dai fatti. Tutti, laici e cattolici debbono fare l’esame di coscienza sul nostro egoismo e sulla nostra miopia a partire dalla politica, dalle istituzioni e dagli individui”. Lo ha detto Renato Brunetta intervenendo al convegno dei democristiani confluiti nel Pdl. Premesso che quanto accaduto in Sicilia è frutto “della cattiva coscienza collettiva”, il ministro della Funzione Pubblica ha chiesto che il governo introduca anche nel nostro paese una forma di assicurazione obbligatoria contro le calamità naturali.

12.40 – Contestato il presidente della regione. Il presidente della Regione Raffele Lombardo, appena giunto in prefettura a Messina, è stato contestato da un gruppo di persone aderenti al comitato “No ponte” e da alcuni cittadini che gli hanno gridato: “Ci sono voluti i morti per farvi venire a Messina”. I contestatori sono stati poi allontanati e Lombardo è entrato in prefettura dov’è atteso Silvio Berlusconi.

12.23 – Iniziato sopralluogo aereo. E’ iniziato il sopralluogo aereo del premier Silvio Berlusconi sulle zone del messinese colpite dall’alluvione. Il capo della protezione civile Guido Bertolaso sta spiegando al presidente del Consiglio la tipologia della frana, i danni causati e come intervenire.

12.15 – Tensioni all’obitorio. Momenti di tensione questa mattina all’obitorio del Policlinico di Messina, dove sono conservati i corpi di 13 delle vittime del nubifragio. I parenti reclamano i corpi dei propri familiari perchè vogliono fare i funerali. Le salme, però, non possono essere restituite ai parenti perchè sono a disposizione della Procura della Repubblica di Messina. Per calmare le persone prima sono intervenuti dei sanitari e poi le forze dell’ordine. Poi è ripreso a piovere e la contestazione sembra ora essere rientrata.

12.00 – Berlusconi atterrato a Reggio Calabria. Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi è appena atterrato all’aeroporto di Reggio Calabria da dove, a bordo di un elicottero farà un sopralluogo nelle aree del messinese devastate dall’alluvione di giovedi’ scorso. Al termine del sopralluogo, secondo quanto si apprende, il premier visiterà un paio di hotel di Messina dove sono stati sistemati gli sfollati e poi parteciperà ad un briefing in Prefettura con il capo della Protezione civile Guido Bertolaso e il prefetto Francesco Alecci.

10.47 – Altra frana a Messina. E’ caduta sulla strada che collega Molino ad Altolia la frana che questa notte ha di nuovo ostruito la strada fra le due frazioni di Messina rimaste isolate per oltre 48 ore dopo il nubifragio. E’ invece libera la strada che da Giampilieri porta a Molino. Attualmente dunque solo Altolia è nuovamente isolata, dopo che ieri i mezzi di soccorso erano riusciti ad aprire un varco sulla strada.

10.15 – Collegamenti difficili con Catania. Continuano ad essere difficili i collegamenti tra Messina e Catania, dopo il nubifragio che si è abbattuto tre giorni fa sulla Sicilia Nord Orientale, causando decine di morti. Ieri sera è stato ripristinato il traffico sulla A18, consentendo la circolazione ad una carreggiata in entrambi i sensi di marcia da Tremestieri, alla periferia di Messina, fino al chilometro 3.

09.30 – Associazione consumatori annuncia azioni legali. L’associazione nazionale Consumatori Associati ha annunciato in una nota che presenterà una causa collettiva contro amministratori locali e Anas per quanto accaduto sulla statale 114 e sull’autostrada A18 Messina-Catania, in occasione del nubifragio di tre giorni fa.

09.25 – Su Facebook gruppi di solidarietà. Sono tantissimi su facebook i gruppi di solidarietà per le vittime del nubifragio avvenuto tre giorni fa nel messinese. Attraverso il social network vengono comunicate anche informazioni sullo stato dei soccorsi e indicazioni, numeri utili e modalità per dare il proprio contributo agli alluvionati della zona.

08.44 – 22 morti e 35 dipersi. Ventidue morti e circa 35 dispersi: è questo il bilancio provvisorio dell’alluvione che ha colpito tre giorni fa il Messinese, diffuso alle otto di stamani dall’unita’ di crisi istituita nella Prefettura. L’ultimo cadavere e’ stato estratto dal fango in nottata. Le persone ancora ricoverate in ospedale sono 29 (15 al Policlinico, 5 all’ospedale Piemonte, 7 al Papardo e una trasferita al centro ustionati del Cannizzaro di Catania). Gli sfollati sono 564, e si trovano alloggiati in diverse strutture alberghiere della Provincia.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Una risposta a Nubifragio, nuova frana a Messina Collegamenti ancora molto difficoltosi

  1. avatar
    Jessica-online 04/11/2009 a 15:27

    quello che stavo cercando, grazie

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews