Notizie sul web, un bollino viola per distinguerle dalle bufale

Verità o bufala? L'agenzia di comunicazione Purple & Noise PR propone una soluzione: un bollino viola accanto alle news online come 'marchio di qualità'

(immediaonline.it)

(immediaonline.it)

Verità o bufala? A rivelarcelo un semplice bollino viola. È questa la proposta lanciata dagli esperti di comunicazione con l’intento di tutelare l’interesse del lettore ed aiutarlo a distinguere siti, portali, blog e articoli propriamente giornalistici da tutto ciò che, nel maremagnum dell’informazione online, risulta essere falso o fuorviante. Ideatrice del progetto l’agenzia Purple & Noise PR.

SOTTO LA MASCHERA DELLE NEWS ONLINE – Che l’autorevolezza della stampa abbia, negli ultimi anni, subito gli spietati attacchi di una neofita concorrente è ormai lampante. Il giornalismo web, ma anche le piattaforme di approfondimento culturale o dibattito politico, hanno ormai integrato o addirittura sostituito – in particolar modo per le fasce giovanili – il caro vecchio quotidiano di carta. E se da un lato tale tendenza ha ampliato e diversificato le categorie di destinatari dell’informazione, dall’altro ha creato il problema della veridicità della notizia. Esattamente come spiega Davide Ciliberti, fondatore dell’agenzia di comunicazione Purple & Noise PR: «Sul web è ormai difficile percepire la differenza tra fonte giornalistica dell’informazione o meno». Non è infrequente osservare come vere e proprie “bufale” assurgano al rango di notizia e quindi da molti inconsapevolmente credute tali. Si pensi a tutti quei siti che si presentano per grafica, o perché nella denominazione ne riportano il temine, come “news”. E che, «tutti insieme, generano un’onda di centinaia di post al minuto, viralizzati sui social network, che possono essere percepiti come “notizie”, ma che in realtà non sono né curate, né redatte da giornalisti».

IL BOLLINO VIOLA – «Premetto che sono un entusiasta dell’opportunità che il web concede a tutti di esprimersi e comunicare liberamente – sottolinea Davide Ciliberti – Ma deve essere ben chiaro il confine tra il giornalista, che è un professionista e che comunque rispetta codici e regole deontologiche, e gli altri siano essi blogger, commentatori o esperti». «Quello che propongo- continua l’esperto – è l’adozione di un bollino viola, la cui erogazione potrebbe essere riservata all’Ordine dei giornalisti, riservato solo a quei siti, blog o portali curati o redatti da un giornalista, pubblicista o professionista. In questo caso gli internauti, soprattutto i giovani e i giovanissimi, potranno essere maggiormente rendersi conto dell’origine e della natura di quella fonte. E valutare in che misura dargli credito».

STRUMENTO D’ANALISI AGGIUNTIVO – «Operativamente la cosa - se sposata dall’Ordine dei giornalisti - potrebbe essere anche di semplice attuazione: tale bollino potrebbe essere ricevuto in automatico da coloro che abbiano preventivamente compilato un modello online, auto-certificandosi come giornalisti, digitando il proprio numero di tessera associativa e nome del sito o blog. Tecnicamente un meccanismo simile a quando si smarrisce la password e se ne fa nuova richiesta. Si consideri inoltre che la proposta Purple & Noise nulla toglie al mondo del web, ovvero non va nella direzione di limitare semmai in quella di aggiunge un agevole strumento di analisi».

Antonietta Mente

@AntoMente

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews