Nobel per la pace, premiati Malala e Satyarthi

Il Nobel norvegese ai due attivisti per i diritti dei più piccoli: una strana coppia in difesa dei bambini

nobel

Malala Yousafzai, premiata con il Nobel per la pace

Oslo – Assegnato oggi il Nobel per la pace: il premio assegnato dal Comitato norvegese è andato quest’anno a Malala Yousafzai e Kailash Satyarthi, una giovane ragazza vittima dei talebani quand’era ancora bambina e un attivisti per i diritti dei bambini. Al centro di questo premio ci sono, quindi, la lotta contro la schiavitù infantile e per il diritto all’istruzione di tutti, bambini e bambine, a prescindere dal genere, dalla fede religiosa e dalla cittadinanza.

LA COPPIA – L’annuncio è giunto da Thorbjoern Jagland, presidente del Comitato per il Nobel norvegese, che ha dato notizia del premio, quest’anno assegnato a due persone che, in modo diverso, si sono impegnati per i bambini e per garantire loro più diritti in tutto il mondo, a partire da quello all’istruzione. Secondo il Comitato, premiare insieme un hindu e una musulmana è un altro segno della lotta comune a favore dell’educazione e contro l’estremismo.

IL COMUNICATO – L’assegnazione del Nobel è stata seguita da un comunicato, che ha spiegato per esteso i motivi di questa scelta: «I bambini devono poter andare a scuola e non essere sfruttati per denaro. Nei Paesi più poveri del mondo, il 60 per cento della popolazione ha meno di 25 anni d’eta; ed è un prerequisito per lo sviluppo pacifico del mondo che i diritti dei bambini e dei giovani vengano rispettati. Nelle aree devastate dalla guerra, in particolare – prosegue il comunicato del Comitato – gli abusi sui bambini portano al perpetuarsi della violenza generazione dopo generazione».

MALALA – Ciascuno dei due Nobel, poi, è stato descritto nella comunicazione del Comitato. Alla giovane pakistana è stato riconosciuto che, «nonostante la sua giovane età – osserva il Comitato – già da anni combatte per i diritti della bambine all’educazione e ha dimostrato con l’esempio che bambini e giovani possono anche loro contribuire a migliorare la situazione. E lo ha fatto nelle circostanze più pericolose: attraverso la sua battaglia eroica, è diventata una voce guida per i diritti dei bambini all’educazione».

nobel

Kailash Satyarthi, attivista per i diritti dei bambini (ituc-csi.org)

SATYARTHI – Secondo il Comitato, il Nobel a Kailash Satyarthi è motivato dal «grande coraggio personale, mantenendo la tradizione di Gandhi, guidando varie forme di protesta e dimostrazione, tutte pacifiche, contro il grave sfruttamento dei bambini a scopi di finanziari, contribuendo anche allo sviluppo di importanti convenzioni internazionali sui diritti dei bambini». Come riferiscono le agenzie, almeno 80.000 bambini sono stati liberati dalla schiavitù grazie all’azione di Satyarthi, una schiavitù spesso frutto del modello occidentale di economia, importato in Asia.

Andrea Bosio
@AndreaNickBosio

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews