Nobel per la pace all’organizzazione contro le armi chimiche

(tafter.it)

Anche il premio nobel più discusso di tutti, quello per la pace, è stato assegnato. A vincerlo è l’Organizzazione per il divieto delle armi chimiche che controlla il processo di distruzione dell’arsenale siriano. L’organizzazione è stata fondata nel 1997 per dare attuazione al Trattato di interdizione all’uso delle armi chimiche firmato nel 1993.

La notizia era stata anticipata dalla tv pubblica norvegese Nrk, la stessa che lo scorso anno aveva annunciato che l’Unione europea avrebbe vinto il Nobel per la Pace un’ora prima della comunicazione ufficiale.

Il corpo principale è la Conferenza dei paesi membri, che normalmente si riunisce annualmente, cui tutti i paesi membri partecipano ed hanno un eguale diritto di voto. Le nazioni sono rappresentate nella Conferenza da rappresentanti permanenti che nella maggior parte dei casi sono gli ambasciatori stranieri nei Paesi Bassi. La sede centrale è infatti all’Aia.

L’Organizzazione è guidata da un Direttore Generale, eletto direttamente dalla Conferenza. Il primo Direttore fu il brasiliano José Bustani dal 1997 al 2002. Il suo secondo mandato durò meno del previsto a causa di una cattiva gestione finanziaria. O almeno, questo è la versione ufficiale. La questione in realtà è molto controversa. In quel periodo Bustani stava trattando con il regime iracheno per convincerli a unirsi all’OPAC e permettendo così agli ispettori di avere il pieno accesso all’arsenale di armi chimiche. Piano che però non avrebbe avuto l’approvazione dell’amministrazione Bush. Seguì a Bustani l’argentino Rogelio Pfirter fino al 2010 quanto venne eletto il turco Ahmet Üzümcü.

Giacomo Cangi

foto: internazionale.it; tafter.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews