Niente sesso per tre anni: e lei denuncia il marito

A Genova una donna insoddisfatta denuncia il marito: non avrebbero fatto sesso fin dal ritorno dalla luna di miele

Coppia in crisi senza sesso? (style.it)

Coppia in crisi senza sesso? (style.it)

Genova – «Non mi ha toccata nemmeno con un dito» per be tre anni: questa la frase che ha rivolto ai carabinieri una donna genovese quando ha accusato di maltrattamenti il marito. Il coniuge, secondo quanto detto dalla donna, non le avrebbe concesso alcun rapporto sessuale fin dalla conclusione della luna di miele, causandone l’ira e l’insoddisfazione che l’hanno portata a denunciare il marito alla giustizia.

LA VICENDA – Una storia quasi surreale, in questi tempi nei quali il sesso è sbandierato e ostentato: «Avevamo rapporti quotidiani fino alle nozze» ha quindi spiegato la donna, quarantanni e residente a Struppa, raccontando una storia di normale relazione prematrimoniale tra fidanzati. Poi il caos: dalla conclusione della luna di miele, «lui adduceva scuse e pretesti di ogni genere» per evitare il contatto con la moglie, sesso compreso, tanto da costringerli a ricorrere all’inseminazione artificiale per poter avere un figlio.
Al diniego sessuale, poi, si aggiunge una crisi del rapporto: «diceva che restava insieme a me solo per la figlia – ha raccontato la donna al pm – Mi sentivo infelice, trascurata e privata di quell’amore indispensabile per ogni donna».

L A SEPARAZIONE – Di mezzo, come si poteva sospettare, anche una causa di separazione tra i due coniugi che non sta procedendo con facilità: accuse reciproche e gesti dimostrativi hanno siglato la conclusione del matrimonio e della convivenza. Lui che strappa i certificati di matrimonio e sostituisce le serrature, poi si dedica a Sms di insulti alla moglie, lei che lo accusa di aver consumato solo due rapporti in tre anni, con tanto di risposta da parte del marito: «saranno stati almeno il doppio».
Così nella richiesta di separazione compare l’addebito al marito, con il poco sesso quale causa della chiusura del rapporto: un nodo che potrebbe tingere di giallo l’intera vicenda e che, per questo, spinge gli inquirenti a investigare.

L’INDAGINE – A coordinare l’operazione che sta indagando sulla vicenda è il pubblico ministero Giuseppe Longo, un esperto nella tutela delle “fasce deboli”, quelle parti del tessuto sociale che ricevono meno attenzioni e meno tutele. E, nonostante non sia un caso di massima importanza, l’indagine sta facendo parlare di sé un po’ in tutta Genova, come forse era prevedibile.
Il nodo della vicenda, almeno in questa sua parte, sarà proprio comprendere se la mancanza di rapporti sessuali costituisce davvero una forma di maltrattamento punibile della legge.

Andrea Bosio
@AndreaNickBosio

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews