New York omaggia Michelangelo Antonioni

Roma – Il 29 settembre1912, a Ferrara, nacque Michelangelo Antonioni, uno dei registi italiani più amati al mondo, un indiscusso maestro del cinema, regista, sceneggiatore, montatore, scrittore e anche pittore.

In occasione del centenario della sua nascita l’Italian Cultural Institute di New York, la Casa Italiana Zerilli Marimò, il Museum of the Moving Image, il Queens College e CinecittàLuce  hanno organizzato alcune iniziative commemorative che si svolgeranno dal 29 marzo al 9 aprile nella piùcontroversa metropoli statunitense.

Il primo appuntamento è la proiezione del film Le amiche, pellicola del 1955 che riprende il romanzo Tre donne sole di Cesare Pavese, con la sceneggiatura che Antonioni scrisse insieme a Suso Cecchi D’Amico e Alba de Céspedes. L’evento si terrà presso lo stesso Italian Cultural Institute giovedì 29 marzo alle 17.30 (ora di New York).

Sempre il 29 marzo, presso la CasaItalianaZerilli Marimò si terrà la conferenza internazionale Antonioni 1912-2012, organizzata dal dipartimento di Studi Italiani e di Studi Cinematografici della New York University.

Il 5 aprile il Queens College ospiterà il simposio The Gaze Elsewhere: Michelangelo Antonioni Centenary, in vista della proiezione di alcune pellicole del maestro che si terrà il giorno seguente,6 aprile, sempre presso il Queens College. Tra i film in programma anche Il deserto rosso, il primo film a colori di Antonioni.

Appuntamenti interessanti anche quelli del 7 e 8 aprile al Museum of the Moving Image, dove saranno proiettati i documentari che Antonioni firmò tra il 1943 e il 2004: dal primo, Gente del Po –  terminato solo nel 1947 – passando per Nettezza Urbana – uno spaccato della vita dei netturbini della Capitale – L’amorosa menzogna, Superstizione,  Sette canne, un vestito – sulla produzione di seta artificiale in Friuli e Lombardia – La villa dei mostri, Vertigine, Ritorno a Lisca Bianca, Kumbha Mela, 12 registi per 12 città: Roma – il documentario realizzato in occasione dei Mondiali di calcio Italia ’90 – Noto e Sicilia.

Chung Kua China – il documentario di quattro ore interamente girato in Cina – verrà presentato in entrambe le giornate e tutte le pellicole proposte saranno proiettate in lingua originale, quindi in italiano, con sottotitoli in inglese.

Una manciata di giorni molto intensi per gli appassionati di cinema e in particolare delle opere di Antonioni che, lo ricordiamo, ha collaborato con i più importanti registi, sceneggiatori e montatori del nostro Paese.

I suoi film sono capolavori indimenticabili, discussi a più riprese dalla critica, spesso precursori di un’arte che sarebbe stata formalizzata solo anni dopo, mostrando un’abilità fuori dal comune, quella di saper percepire i mutamenti del cinema e della società.

Incomunicabilità e alienazione – con le pellicole L’avventura, La notte (il film più premiato del maestro) e L’eclissecrisi della modernità e critica al consumismo – con l’atipico Zabriskie Point, noto anche per la colonna sonora firmata dai Pink Floyd – sono tra i temi prediletti da Antonioni, le cui pellicole sono spesso permeate da una sorta di pessimismo, la cupa visione dell’ineluttabilità e dell’ineffabilità degli eventi.

Francesca Penza

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews