Nesta lascia Milano destinazione Stati Uniti, e gli altri senatori?

Milano - Era nell’aria e oggi in conferenza stampa è arrivata la conferma. Alessandro Nesta dà l’addio al Milan dopo 10 stagioni formidabili, due campionati, due Supercoppe nazionali, due Champions League, un Mondiale per Club, due Supercoppe Europee. A completare l’invidiabile palmares di quello che è stato senza dubbio uno dei più forti difensori degli ultimi 30 anni ci sono anche 6 trofei conquistati da capitano della Lazio e l’indimenticabile successo al Mondiale 2006 con la Nazionale di Marcello Lippi, nonostante l’infortunio che lo costrinse a stare fuori per quasi tutto il torneo.

Il “Ministro della Difesa”, come adorano definirlo i suo tifosi è parso molto emozionato e ha voluto ringraziare davvero tutti per i momenti indimenticabili trascorsi a Milano. Ha anche fugato ogni dubbio su qualsiasi ipotesi di trasferimento in altri club italiani dichiarando: “Questa è stata la mia ultima stagione in Italia. I ritmi sono troppo alti e stressanti“. La destinazione? “Non si sa ancora, non ho firmato con nessuno sto valutando diverse cose anche oltreoceano”. I ben informati parlano pero’ di un contratto biennale già pronto per lui negli Stati Uniti con i New York Red Bull.

Un pensiero in particolare Nesta lo dedica a Carlo Ancelotti: “L’allenatore più importante della mia carriera, per le vittorie e per il modo di vincere, riesce a vincere sembrando un tuo compagno di squadra. La prima Champions è stata la vittoria più bella”.
Sulla situazione del Milan, il difensore ha espresso grande delusione per la mancata vittoria in un campionato “alla nostra portata” e sul futuro si è detto certo che il “nuovo Nesta” a Milanello ci sia già ed il suo nome è Thiago Silva.

Risolta, se così si puo’ dire, la situazione Nesta, per e per il Milan resta comunque aperta la spinosa questione degli ultratrentenni, in abbondanza nelle file rossonere. Alla luce di cosa è accaduto con Pirlo questa volta si agirà con molta cautela prima di rinunciare ad alcuni dei giocatori che hanno fatto la storia del club.

L’anno prossimo quasi certamente non vestiranno più rossonero i vari Flavio Roma (37 anni, ritiro), Gianluca Zambrotta (35 anni, Usa?), Alessandro Nesta (36 anni, anche lui States), Clarence Seedorf (36 anni, Brasile?) e Filippo Inzaghi (38 anni, e un futuro ancora tutto da decifrare).
Verranno certamente confermati capitan Ambrosini (34 anni) e Mario Yepes (36 annni), mentre sono in forte dubbio i vari Gennaro Gattuso (34 anni), Mark van Bommel (34 anni) e Mathieu Flamini (28 anni ma 4,5 milioni di ingaggio a stagione).

Davide Lopez

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews