Nel cassonetto un sacchetto si muove: dentro c’è un cagnolino ferito

Dei passanti hanno notato un sacchetto muoversi all'interno di un cassonetto dell'immondizia: dentro c'era un cagnolino ferito alla testa da una bastonata

Il cagnolino ferito ritrovato in un cassonetto, all'interno di un sacchetto di plastica (www.leggo.it)

Il cagnolino ferito ritrovato in un cassonetto, all’interno di un sacchetto di plastica (www.leggo.it)

TERRACINA (LATINA) – Lo hanno salvato per miracolo dal soffocamento, probabilmente grazie alla sua grandissima voglia di vivere: stiamo parlando di un cagnolino, barbaramente bastonato sulla testa e poi chiuso in un sacchetto di plastica e gettato in un cassonetto della spazzatura.

IL RITROVAMENTO – Il cagnolino ha cercato evidentemente di lanciare segnali all’esterno: anche se debolmente, guaiva in continuazione e si muoveva all’interno del sacchetto. È stato proprio il movimento a richiamare l’attenzione di alcuni passanti che, rendendosi conto del movimento all’interno del sacchetto di plastica, hanno chiamato subito i soccorsi. Sul posto sono arrivati il medico veterinario Emanuela Saccucci di Terracina e il suo team di lavoro. Ecco il racconto della dottoressa: «Mi hanno chiamata dicendomi che c’era un sacchetto di plastica che si muoveva all’interno di un cassonetto. Mi sono precipitata sul luogo e scavando tra i sacchi della spazzatura siamo riusciti a trovare quello che effettivamente si muoveva: aprendolo, abbiamo visto che dentro c’era un cagnolino».

(www.ceprano.blogolandia.it)

(www.ceprano.blogolandia.it)

IL CANE E’ UN RANDAGINO DI CAMPAGNA – Il cagnolino, secondo la veterinaria, sarebbe un randagino di campagna di circa due anni: quando la dottoressa lo ha visto, aveva una ferita sanguinante proprio al centro della testa e un occhio molto arrossato che si continuava a gonfiare, di minuto in minuto. La dottoressa lo ha subito portato nel suo ambulatorio. Dopo un primo esame clinico, la dottoressa ha dichiarato che il cagnolino aveva senz’altro subito una bastonata e che il colpo deve essere stato dato non molto tempo prima del ritrovamento, dal momento che la ferita era ancora sanguinante e l’occhio si stava gonfiando. Nonostante tutto, il cane pare non essere in pericolo di vita, né in condizioni gravi di salute. Secondo la dottoressa Saccucci «nel camminare sbanda un po’, ma tutto sommato riesce a muoversi in maniera piuttosto corretta. Inoltre, la pupilla dell’occhio arrossato e gonfio, risponde comunque ai riflessi». Dunque, il cagnolino guarirà.

LA DINAMICA – Secondo una prima ricostruzione, il cagnolino si sarebbe trovato in campagna quando qualcuno lo ha deliberatamente colpito sulla testa, e poi rinchiuso in un sacchetto di plastica e trasportato fino al cassonetto dell’immondizia dove è stato ritrovato. La domanda è sempre la stessa quando si scoprono questi orribili gesti: Perché?

Mariangela Campo

@MariCampo81   

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews