NBA Playoff Finali di Conference gara 4: Per Heat e Mavericks è quasi fatta

Oklahoma City Thunder – Dallas Mavericks 105-112 OT (Serie 3-1 DAL)

Dirk Nowitzki affonda ancora Oklahoma con 40 punti (zimbio.com)

Avanti di 15 punti a una manciata di minuti dalla fine, per Oklahoma City sembrava davvero fatta: pronto il 2-2 nella serie, scacciate le voci di crisi e le polemiche nello spogliatoio, ritrovato il vantaggio nel fattore campo. E invece il ciclone Dirk Nowitzki (40 punti) sfodera l’ennesima performance 5 stelle, per far vedere a tutti che il bello – in fondo – deve ancora venire: con la ferita ancora aperta della finale persa contro Miami nel 2006, con arbitraggi più che discutibili in favore di Wade e compagni, il tedesco mette in mostra il meglio del suo campionario, tra conclusioni improbabili e fuori equilibrio, triple frontali e uno contro uno dal palleggio e con 15 punti regala l’overtime ai Mavericks.

Ibaka e Collison finiscono triturati e il tiro del pareggio da parte di Durant finisce tra i tentacoli di Shawn Marion: l’overtime è incanalato sui binari del team di Cuban, con i Thunder incapaci di sovvertire l’inerzia della gara. «È una brutta sconfitta ma dobbiamo accettarla e imparare la lezione – dice coach Scott Brooks – Abbiamo giocato con intensità e con concentrazione sull’obiettivo, ma le palle perse ci hanno danneggiato: sono state assolutamente troppe (Westbrook ancora a quota 7)».

Miami Heat – Chicago Bulls 101-93 OT (Serie 3-1 MIA)

Derrick Rose mette a segno solo 8 tiri su 27 totali e quando il numero 1 monopolizza il gioco dei Bulls, Miami ne trae grande beneficio: Carlos Boozer è ancora una volta in grande spolvero, con 20 punti e 11 rimbalzi, e un sempre puntuale Deng si conferma il vero collante della squadra di Tom Thibodeau.

Chris Bosh trascina Miami al 3-1 (leggo.it)

Ma dall’altra parte, è ancora Bosh a fare la differenza: l’ex Raptor sigla 22 punti con sole 12 conclusioni tentate, innescato a dovere da un ottimo LeBron James, capace di condurre il gioco con lucidità e di compensare la brutta serata al tiro di Dwyane Wade (guarda il video), protagonista di una grottesca schiacciata sbagliata in campo aperto. Con Rose in lunetta a 1′ dalla fine, Chicago avrebbe l’opportunità di scrivere il nuovo vantaggio, ma l’MVP della Lega si ferma sul ferro concedendo agli Heat l’approdo all’overtime: i Bulls si disuniscono mentre Miami accelera e i liberi di LeBron James mettono il sigillo finale alla partita.

«Oggi è stata decisamente colpa mia – la voce di Derrick Rose –  Ho avuto due opportunità di chiudere la gara, non posso fare altro che imparare dai miei errori. Davvero, è stata tutta colpa mia ma imparerò da tutto questo».

Andrea Samele

 

EPIC FAIL: WADE SBAGLIA UNA SCHIACCIATA IN CAMPO APERTO

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews