Navratilova-choc: ‘Ho il cancro al seno’

La campionessa ceco-statunitense ha confessato alla rivista People di aver subito, pochi mesi fa, l’asportazione di un nodulo al seno. A maggio inizierà la radioterapia

di Francesco Guarino

 

La Navratilova a Wimbledon 2006

Nove vittorie a Wimbledon, quattro all’Australian Open, tre agli US Open e due al Roland Garros. Diciotto titoli del Grande Slam in 12 anni, facendo finta di non considerare i 41 successi “secondari” in doppio. Nessuna sfida, però, può essere paragonabile a quella che Martina Navratilova sta combattendo adesso: quella contro il cancro. La più grande tennista di sempre ha annunciato pubblicamente di essere stata sottoposta, pochi mesi fa, ad un intervento per l’asportazione di un carcinoma al seno, e di essere ormai prossima all’avvio del ciclo di radioterapia. 

 

RITARDO QUASI FATALE – A febbraio una mammografia di routine ha svelato la presenza di un nodulo al seno destro di Martina. «Erano passati quattro anni dall’ultima mammografia – ha rivelato la Navratilova – siamo tutti occupati, ma non accampo scuse. Sono in forma, mangio con accuratezza ed è successo lo stesso. Un altro anno e sarei stata in grossi guai». Il carcinoma al seno della campionessa, infatti, è stato rintracciato al limite del tempo utile: il nodulo è risultato essere in fase non ancora invasiva. Lo scenario che si è presentato agli occhi dei medici è stato quindi il migliore possibile, consentendo loro di procedere all’intervento con altissime speranze di sopravvivenza post-operatoria per la paziente. «Ho pianto quando ho avuto la notizia – ha confessato senza remore la tennista alla rivista People – mi sentivo in pieno controllo del mio corpo e, quando questa cosa è sopraggiunta, sono andata fuori di testa». Martina ha ammesso che, col decadere dell’attività sportiva, si è sottoposta a check-up sempre meno regolari. La sua ammenda pubblica vuole essere un mea culpa, ma soprattutto un invito per le donne alla prevenzione e alla regolarità dei controlli, sportive o meno che esse siano. 

 

OUTING – La Navratilova non è nuova a grandi stravolgimenti e rivelazioni choc: a 19 anni lasciò la natìa Cecoslovacchia per approdare negli Stati Uniti, alla corte di quella che sarebbe stata la futura Nick Bollettieri Academy. Dopo cinque anni da apolide, ottenne la cittadinanza statunitense e regalò agli appassionati l’ennesimo colpo di scena: in un’epoca in cui l’omosessualità era anche più di un tabù, rese pubblica la sua relazione con la scrittrice Rita Mae Brown, ammettendo di essere lesbica. Allo scandalo dei benpensanti, tutt’altro che preparati all’outing di un personaggio di così alto livello, Martina rispose facendo parlare il campo, portando a casa almeno un titolo dello Slam per undici anni consecutivi. Si ritirò ufficialmente nel 1994 e venne introdotta nella International Hall of Fame of Tennis nel 2000. Non le bastava: tornò a competere occasionalmente in tornei di doppio e doppio misto e portò a casa ancora un titolo a Wimbledon, nel 2003, in coppia con l’indiano Leander Paes. Tre anni dopo, sugli stessi prati del circolo inglese, annunciò che l’US Open di quell’anno sarebbe stata la definitiva conclusione della sua carriera. L’ultima partita, manco a dirlo, fu la finale. Ovviamente vinta, per 6-2; 6-3, ai danni dei cechi (scherzi del destino…)  Kveta Peschke e Martin Damm. Martina aveva 49 anni e 10 mesi

 

Stavolta il destino le ha messo davanti l’ultima vera sfida, la più difficile di tutte. A maggio la campionessa inizierà il ciclo di sei settimane di radioterapia. Per ora ha salvato il match-point dell’avversario e si è fatta portare al tie-break. Adesso la prima di servizio ce l’ha in mano lei. Noi non abbiamo dubbi: sarà ancora una volta game, set, match Navratilova. Buona fortuna Martina.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews