Natale in Weird, i film natalizi più strani di sempre

Il Natale, si sa, è una festa che porta con se numerose tradizioni e numerosi eventi che si ripetono di anno in anno sempre uguali: uno di questi eventi è il passaggio sugli schermi televisivi di una serie di film a base di buoni sentimenti, gag preconfezionate (e predigerite) e babbi Natale pronti a esaudire ogni desiderio, di solito richieste più zuccherose e appiccicose di un barattolo di miele aperto e richiuso in malo modo.

Oltre a questa melassa – in cui di tanto in tanto si trova anche qualcosa di pregevole – esiste una cinematografia natalizia alternativa in cui Natale non è sinonimo di buonismo a tutti i costi.

Non si può che iniziare da S.O.S. Fantasmi di Richard Donner, una rilettura orrorifico/ironica del classico Canto di Natale di Dickens in cui un Bill Murray in grande spolvero interpreta un cinico direttore di una televisione americana alle prese con i fantasmi del natale passato, presente e futuro: i tre spettri sono davvero molto particolari e ben diversi rispetto a quanto lo spettatore si aspetterebbe di trovare in un film sul Natale.

Parlando di pellicole natalizie inusuali non si può non citare il capolavoro d’animazione che rivelò il talento visionario di Tim Burton ossia l’indimenticabile Nightmare Before Christmas (film dalla duplice valenza: ottimo sia per Natale che per Halloween).

Un’altra pellicola che potrebbe essere una valida alternativa alla pletora di babbi Natale paterni e generosi è Babbo Bastardo diretto da Terry Zwigoff, a cui si deve anche il caustico e meraviglioso Ghost World.  Seguiamo le peripezie di Willie e Marcus, due ladri che travestiti rispettivamente da Babbo Natale e dal suo aiutante elfo sono specializzati nello svaligiare grandi magazzini. L’alcolizzato Willie (Billy Bob Thorton) verrà riportato sulla retta via da un bambino estremamente ingenuo e da un’affascinante barista morbosamente attratta da Babbo Natale.

Un altra pellicola incentrata sempre sulla figura dell’anziano abitante del polo nord, ma decisamente meno arrabbiata è Santa Clause, in cui si racconta la storia di Scott Calvin un padre divorziato con un figlio che per errore causa la morte di Babbo Natale e si trova costretto a firmare un contratto con cui s’impegna egli stesso a diventare il suo successore.

L’elenco di film weird che hanno come protagonista il generoso vecchietto potrebbe continuare all’infinito basterà ricordarne solo i più bizzarri: Santa Claus Conquer the Martians, ossia un capolavoro del trash anni Sessanta in cui il protagonista viene rapito dagli alieni per salvare i loro figli da merendine e televisione, Fred Claus in cui un fratello pasticcione di Babbo Natale va a dargli una mano causando pasticci a catena e infine Un Natale Rosso Sangue, uno dei capostipti dello slasher in cui un assassino mascherato da Babbo Natale si dà alla pazza gioia in un pensionato.

Un film in cui la figura di rosso vestita si trova sullo sfondo della vicenda è Elf: un candido trentenne cresciuto al polo Nord (interpretato da uno spassosissimo Will Ferrell) credendo di essere uno degli elfi che lavorano nella fabbrica di giocattoli di babbo Natale è costretto a partire alla volta di New York per cercare le sue origini. Le troverà in un padre proprietario di una scalcinata casa editrice.

Un film particolarmente poetico pur essendo molto duro è Tokyo Godfathers, lungometraggio d’animazione in cui tre senzatetto alla vigilia di Natale trovano una bambina nell’immondizia. Il trio di clochard si cimenterà nell’ardua ricerca dei genitori della piccola imbattendosi in un variegato campionario d’umanità.

Per concludere questa breve carrellata sui film natalizi inusuali è giusto segnalare una pellicola di recente distribuzione ossia Il magico Natale di Rupert in questi giorni proiettato gratuitamente nelle sale del circuito di Distribuzione Indipendente. Un film carico di humour e di sense of wonder che racconta la storia del piccolo Rupert alle prese con un invasione aliena nel salotto della casa di sua nonna che verranno combattuti a suon di cartoni animati e invenzioni bizzarre.

Come si è visto, il Natale ha ispirato da sempre i cineasti e non sempre in maniera positiva e caramellosa, ma al di là degli esiti si vede come questa festa rimanga tuttora un inesauribile e impareggiabile fonte d’ispirazione.

Davide Schiano di Coscia

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews