Natale 2014 nel mondo: usanze e festeggiamenti tipici

Natale 2014

Babbo Natale è pronto per questo Natale 2014 (Foto: jndyos.com)

Natale pronti… via! Domani sera inizieranno ufficialmente i festeggiamenti di questo Natale 2014, in Italia già fervono i preparativi per il grande cenone della vigilia, tradizionalmente a base di pesce! Ma nel mondo come si festeggia il Natale? Ve lo diciamo noi di Wakeupnews con una breve carrellata delle tradizioni natalizie nel mondo.

NATALE IN INGHILTERRA E IN AUSTRALIA – Natale 2014 sta per arrivare anche in Inghilterra e in Australia, accomunate dalle stesse tradizioni. Qui Babbo Natale  viene viziato un pochino: sulla tavola, la notte del 24, Santa Claus trova un buonissimo dolce, il Mince Pie accompagnato in genere da un po’ di Sherry, giusto per riscaldarsi. Anche le renne trovano sempre qualcosa da sgranocchiare: i bambini, infatti, sono soliti lasciare fuori dalla porta qualche carota per loro. Il pranzo del 25, in Inghilterra, inizia prestissimo, di prima mattina, in modo da finire in tempo per il discorso della regina che va in onda alle 15. Il tacchino è il piatto base e si serve con una crema, la bread sauce contornata, in genere, dal pane secco. Nello Yorkshire la fanno da padrone il pudding e le chipolatas. Il dolce più comune non è il pandoro o il panettone ma il pudding dolce, con frutta, preparato diverse settimane prima di Natale e innaffiato con un po’ di Brandy.

NATALE IN OLANDA – In Olanda, Natale 2014 è già passato, anche quest’anno si è fatto vivo, il 6 dicembre,  Sinter Klass, ovvero San Nicola. I bimbi olandesi sono soliti mettere fuori per lui una scarpa piena di fieno e carote al posto delle quali la mattina trovano un regalo spesso in marzapane. In realtà il Babbo Natale olandese assomiglia molto alla nostra Befana, anche lui, infatti, lascia spesso un po’ di carbone ai bambini che hanno fatto troppi capricci. Il 25 comunque le famiglie sono solite riunirsi per un pranzo che non ha una vera e propria ricetta tipica: di solito si cucina pollo o tacchino e il dolce più in voga è lo Stollen, un pane ovale farcito a base di uvetta, pasta di mandorle e ribes.

Natale 2014

In Sudafrica il Natale coincide con l’estate e il pranzo termina con un bel bagno rinfrescante. (Foto: in-formazione.net)

NATALE IN GERMANIA – In Germania il Natale 2014 è iniziato l’11 novembre, il giorno di San Martino: i bambini portano in processione delle lanterne che hanno la funzione di illuminare la strada al santo. In Germania è usato moltissimo il calendario dell’Avvento, soprattutto dai bambini che ogni giorno promettono di fare una buona azione. La preparazione del Natale continua il 6 dicembre con San Nicola che porta cioccolato e Lebkuchen e Christollen, tradizionali dolci speziati. La notte del 24, in alcune zone della Germania, è Gesù Bambino a portare i doni al posto di Babbo Natale. Il Natale vero e proprio viene festeggiato il 25 e il 26 dicembre, in genere si mangia anatra arrosto o carpa contornati da crauti e patate. Il 25 si possono trovare ancora in tavola i Platzchen, biscotti di forme e ingredienti diversi.

NATALE IN PERÙ – Anche in questo Natale 2014 in Perù verranno organizzate dalle chiese le Chocolatadas. Le Chocolatadas prevedono panettone e cioccolata calda da offrire ai senza tetto o comunque alle persone appartenenti ad un ceto sociale molto basso. Le Chocolatadas vengono preparate grazie alle donazioni dei cittadini. Il Natale in Perù si festeggia la notte del 24 dicembre, la cena è a base di tacchino e insalata il dessert prevede il panettone, il marzapane e diverse tipologie di budini.

NATALE IN AFRICA – In Africa coesistono molte culture religiose differenti. Natale 2014, in alcune zone, si celebrerà  il 7 gennaio. In altre zone, come in Nigeria, però, Natale è il 25: come da tradizione ci si riunisce intorno agli anziani. In Nigeria a Natale non si fa distinzione tra i culti e tutti sono invitati, si lascia aperto l’uscio di casa così chiunque può sentirsi il benvenuto. I regali sono soprattutto cibi, crudi o cotti che siano, si donano anche vestiti. Nei giorni precedenti il Natale le ragazze passano per le strade dei villaggi cantando e ballando al ritmo dei tamburi. Nei giorni successivi al Natale tocca invece agli uomini che usano avere volti coperti con grosse maschere. In Ghana, Congo e Nigeria il pasto natalizio è a base di riso, pasta di patate o mais ,zuppa di okra e polenta. In Sudafrica il Natale è in estate e il pranzo all’aperto prevede verdura, riso giallo tacchino.

Serena Prati
@Se_Prati 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews