Napoli: rubato il tradizionale albero di Natale nella Galleria Umberto

Napoli: il tradizionale albero di Natale installato nella Galleria Umberto, chiamato anche l'albero dei desideri, è stato rubato stanotte

albero di natale napoli

Il tradizionale albero dei desideri installato nella Galleria Umberto, a Napoli

Napoli – È stato rubato stanotte, a Napoli, l’albero di Natale installato solo poche ore prima nella Galleria Umberto. Il tradizionale albero dei desideri, installato nella Galleria Umberto dal commerciante Antonio Barbaro, che si fa carico dell’iniziativa da quasi trent’anni, è stato rubato a tempo di record. L’albero non era stato ancora addobbato. Queste le parole del commerciante:

«Ce ne vorrebbero due di alberi, uno per i turisti e uno per i ladri. Comunque, ne verrà ricollocato un altro al più presto, così i napoletani sapranno dove mettere i loro desideri».

LA TRADIZIONE – La presenza dell’albero di Natale nella Galleria Umberto, soprannominato l’albero dei desideri fin dalla sua prima apparizione nel 1985, rappresenta una vera e propria tradizione cittadina: ogni anno, infatti, centinaia di napoletani e di turisti vi appendono biglietti di desideri, di auguri, di speranza e di propositi. Questa mattina, sui resti dell’albero di Natale rubato, è stato trovato un biglietto rosso sul quale c’è scritto: «Caro Babbo Natale, fa che coloro che hanno fatto questo scempio e tutti i loro simili possano diventare sterili, in modo da non poter più produrre altra spazzatura».

IL FURTO – Il furto dell’albero dei desideri è avvenuto per mano di una decina di adolescenti che, prima della mezzanotte, ha abbattuto l’albero e poi lo ha trascinato via. Qualcuno, stamattina in Galleria, afferma che si è trattato di una monelleria da ragazzini, qualcun altro, invece, ipotizza che qualcuno deve averli mandati questi adolescenti ad attuare il furto a quell’ora della notte. In ogni caso, questa non è la prima volta che l’albero viene rubato: l’ipotesi più accreditata è quella che afferma che gli alberi dei desideri vengano rubati per poi servirsene per l’altrettanto tradizionale falò di Sant’Antonio, che avviene il 13 gennaio di ogni anno. Comunque, il caso più eclatante resta quello del 2005, quando l’albero dei desideri venne addirittura bruciato direttamente in Galleria.

Mariangela Campo

Foto: www.ecodibergamo.it; www.vip.it

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews