Muamba: “Ero morto ma Dio mi ha protetto. Sono vivo per miracolo”

Il calciatore del Bolton Fabrice Muamba mostra sorridente la cicatrice sul petto

LONDRAFabrice Muamba, ventiquattrenne giocatore del Bolton, in un’intervista esclusiva al tabloid britannico Sun, racconta la sua terribile esperienza sul campo di gioco risalente allo scorso 17 marzo, quando, cioè, al White Hart Lane, fu colpito da un improvviso arresto cardiaco nel corso di un match di FA Cup sul campo del Tottenham.

«Ho chiesto a Dio di proteggermi e lui non mi ha deluso», afferma con convinzione il calciatore, il quale, secondo il medico del Bolton, era praticamente morto per ben 78 minuti.

Muamba mostra senza remore la cicatrice sul petto e sorride. I medici gli hanno impiantato un defibrillatore interno per evitare che in futuro si verifichino ennesimi problemi cardiaci.

«Ciò che mi è successo è stato davvero qualcosa di più di un miracolo – sostiene Muamba – Posso dire di essere la prova vivente del potere della preghiera. Anche se fossi riuscito a sopravvivere, si diceva che avrei subito comunque dei danni cerebrali. Ma ora sono molto vivo e sono qui a parlare con voi Qualcuno, lassù, vegliava su di me. La mattina della partita ho pregato con mio padre e lui ha chiesto a Dio di proteggermi. Non sono affatto rimasto deluso».

(Foto: dailymail.co.uk / thesun.co.uk)

Stefano Gallone

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews